Tu sei qui

Viaggio in camper nella storia e nelle tradizioni campane: Salerno


Da Pagani a Salerno: Arte e spiritualità, ma anche natura e gastronomia.



Riprendiamo il nostro viaggio nella storia e nelle tradizioni campane.

Ci eravamo fermati a Pagani, centro della provincia salernitana a circa 20 km dal capoluogo e ora proseguiamo alla volta di Salerno, un museo a cielo aperto. Luogo in cui antico e nuovo, medioevale e barocco, convivono armonicamente. Territorio dove il viaggiatore può trovare interessanti proposte e stimoli per creare un itinerario “su misura”.

camper campania salerno duomoIl percorso di trekking urbano alla scoperta di Salerno inizia dal Duomo, dedicato al Santo Evangelista Matteo del quale si conservano le sacre reliquie. Affreschi, reperti di epoca romana, sculture e mosaici bizantini, fanno della cattedrale un capolavoro.



L’edificio normanno, costruito intorno al 1080 per volere di Roberto il Guiscardo, sorge su una chiesa paleocristiana eretta a sua volta sulle rovine di un tempio romano. L’aspetto attuale rispecchia il rifacimento di epoca barocca mentre, dell’originario impianto romanico restano elementi decorativi nella chiesa, nel campanile e nell’atrio. Quest’ultimo, circondato da un porticato retto da 28 colonne con archi a tutto sesto, custodisce sarcofagi romani e medievali. La cripta, dove si conservano le reliquie del santo patrono della città, è una scenografia architettonica di linee e curve intrecciate, stucchi e affreschi barocchi progettata da Domenico e Giulio Cesare Fontana. Suggestiva la statua bifronte di San Matteo con doppio altare da dove possono essere celebrate due messe.

camper campania salerno duomo porticato camper campania salerno duomo
Perdendosi attraverso l’intrigo di vicoli, che come un serpente attraversa l'intero centro storico, si arriva in via dei Mercanti, la via delle botteghe, che congiunge Porta Catena a Porta Nova. In questi stretti vicoli si respira ancora l’affascinante atmosfera medioevale e sembra quasi che il tempo si sia fermato. Via dei mercanti si immette su Corso Vittorio Emanuele II, cuore di una lunga area pedonale (tra le più grandi d'Italia), famosa camper campania salerno portanuovaper lo shopping e il passeggio. Parallelamente al Corso si trova Piazza Flavio Gioia, dove si svolgeva la celebre Fiera di San Matteo, una delle più prestigiose dell'Italia Meridionale che attirava mercanti da ogni parte. Alla piazza si accede attraversando Portanuova realizzata nel 1754 dal maestro Ragozzino.
Ripercorrendo a ritroso via dei Mercanti si giunge al Complesso archeologico di S.Pietro a Corte (sito web), prestigiosa sede dei re longobardi, costruito nel 774 dal duca Arechi II.

I pilastri dell’aula superiore, l’aula di rappresentanza, sono poggiati sul frigidarium di un complesso termale di età imperiale, in seguito riutilizzato come sepolcreto dalle comunità cristiane. Attraverso uno scalone di accesso si accede a un ampio salone, l’antico palatium con annessa cappella palatina.

Sempre nel cuoredel centro storico, alle pendici del colle Bonadies,è custodito il Giardino della Minerva, il primo Orto Botanico dell’Europa continentale. L'orto terrazzato fu realizzato da Matteo Silvatico, esponente della Scuola Medica Salernitana, la più antica università d’Europa. Nell’orto gli erboristi, profondi conoscitori di piante curative, preparavano e conservavano i medicamenti.
Di grande interesse è la scala del Seicento, costruita sulle antiche mura della città, da qui si può ammirare il porto e il centro storico, godendo di un panorama che incanta la vista.


E se si vuol godere di un altro suggestivo paesaggio, che permette con un solo sguardo di abbracciare e ammirare l’intera città e l’incantevole Costiera Amalfitana, si deve visitare l’imponente e maestoso castello Arechi, immerso in un incantevole scenario, ricco di vegetazione e di storia e con posssibilità di sostare nell’ampio parcheggio esterno al castello.

La passeggiata alla scoperta di Salerno si conclude sul lungomare pedonale, che costeggia tutta la città e offre una completa visuale del litorale, dove - tra barche di pescatori cullate dalle onde del mare e dal vento- si può ammirare un tramonto infuocato che tinge il cielo di sfumature rosa e arancioni, regalando un panorama ricco di emozioni.



Con questa stupenda immagine del lungomare con in primo piano le barche dei pescatori abbiamo concluso il nostro viaggio nel cuore delle tradizioni della Campania. Siamo certi di aver suscitato in voi l'interesse per andare alla scoperta di questi luoghi, per la maggior parte sconosciuti ma ricchi di quelle tradizioni e quelle ritualità che solo le Regioni del nostro Sud sanno manifestare.


Per le informazioni turistiche e le soluzioni di sosta vi abbiamo preparato una raccolta di informazioni utili al camperista.


Punteggio: 
2.8

Average: 2.8 (5 votes)

Coordinate: 
Latitudine: 14.766004000000 - Longitudine: 40.677969000000
Data Aggiornamento: 
02-01-2014
Data Pubblicazione: 
09-04-2012