Tu sei qui

Un weekend in camper per le strade del Chianti

Oltre che osservare panorami mozzafiato e incantevoli paesi, nei luoghi dove si produce questo celebre vino si può anche soddisfare il palato

Tra le zone d'Italia che offrono i panorami più suggestivi anche soltanto affacciandosi al finestrino del camper, l'area del Chianti, compresa tra Firenze e Siena, è una delle mete più indicate per una vacanza in camper. L'unico problema, dato l'elevato numero di curve, potrebbe essere la nausea provocata dal cosiddetto mal di viaggio. Soprattutto in questo caso, però, vale davvero la pena prendere una pastiglia, perché le emozioni che regalano questi territori sono indimenticabili. Infatti, nei borghi che si incontrano lungo la strada il tempo sembra essersi fermato e anche i ritmi di vita delle aziende agricole locali si basano ancora sulle stagioni.
camper toscana chianti vino panoramacamper toscana chianti vino
Per gli amanti del vino e della buona tavola, poi, questi luoghi rappresentano un angolo di paradiso. Ai palati raffinati non resta nient'altro da fare che trovare un fine settimana libero e mettersi al volante per un viaggio in camper nella zona del Chianti.
I castelli di Gaiole in Chianti
La prima tappa del nostro weekend in camper sulle vie del prestigioso vino toscano è Gaiole in Chianti, che si trova lungo il torrente Massellone. Proprio per la sua posizione strategica, il paese è da sempre stato teatro di importanti mercati, dove accorrevano persone dai villaggi e dai castelli vicini. La tradizione non si è fermata nemmeno ai giorni nostri: qui, infatti, una volta alla settimana si tiene ancora un grande mercato. Nel centro di Gaiole si possono ammirare alcuni degli edifici che costituivano l'antico borgo e rilassarsi gustando un bicchiere di buon Chianti in qualche locale. Dopo essersi rifocillati, si può lasciare il paese per visitare i meravigliosi dintorni.
Infatti, non si può perdere l'occasione di andare al Castello di Brolio, diventato famoso perché è il luogo in cui Ricasoli creò il Chianti Classico. La costruzione, d'origine longobarda, a partire dal dodicesimo secolo è appartenuta alla famiglia Ricasoli, che da quei tempi produce qui il celebre vino, che si può gustare nell'enoteca della fattoria. Il vino, però, non è l'unica attrattiva del castello: i giardini, infatti, sono tenuti con gran cura e, soprattutto, da essi è possibile osservare un panorama che lascia senza fiato e che, nei giorni senza nubi, comprende anche Siena.
camper toscana chianti vino castello blolio gaiolecamper toscana chianti vino castello blolio gaiole
All'interno del castello si possono apprezzare anche la Cappella di San Jacopo e il Museo della Collezione Ricasoli. La visita è a pagamento (tel. 0577.7301, email barone@ricasoli.it, sito Internet www.ricasoli.it) e comprende anche una degustazione di Chianti Classico.
camper toscana chianti vino castello meleto gaiolecamper toscana chianti vino castello meleto
Sempre nei dintorni di Gaiole, nell'omonima località, sorge anche il Castello di Meleto, a cui ci si arriva percorrendo un viale fiancheggiato da ginepri e cipressi. In origine, vi vivevano i monaci benedettini, quindi è diventato anch'esso di proprietà della famiglia Ricasoli; al suo interno c'è anche un piccolo teatro settecentesco. Oltre a visitare le cantine e le segrete dell'edificio per poi degustare i vini dell'enoteca, qui è anche possibile trascorrere qualche notte nelle camere originali del castello.
A Radda sembra tutto fermo al Medioevo
Circondato da imponenti mura di cinta, Radda è la tappa successiva del nostro viaggio in camper lungo le strade del Chianti. Il paese, che conserva tutt'oggi un aspetto medioevale, sorge su camper toscana chianti vino radda palazzo podestàun'altura tra le valli del Pesa e dell'Arbia e in passato, sotto l'influenza di Firenze, fu la sede della Lega del Chianti. Tra gli stretti vicoli di Radda si trovano veri e propri gioielli architettonici, come il Palazzo del Podestà, la cui facciata è abbellita dagli stemmi di potenti famiglie. Merita assolutamente una visita anche la Chiesa di San Niccolò, dove è conservato un meraviglioso crocifisso di legno risalente al 15esimo secolo. All'interno del bel Convento Francescano di Santa Maria in Prato si trova il Museo d'Arte Sacra del Chianti; nelle sue sale, sono esposti numerosi capolavori provenienti dai luoghi sacri della zona. Gli appassionati di scienza e tecnica non possono lasciarsi sfuggire l'opportunità di visitare la Ghiacciaia Granducale, che aveva la funzione di conservare la neve per poi trasformarla in ghiaccio. Visto l'elevato numero di enoteche e cantine, a Radda per rilassarsi sorseggiando un bicchiere di vino c'è soltanto l'imbarazzo della scelta.
Poco al di fuori del paese, si raggiungono facilmente la Pieve di Santa Maria in Prato, adornata con splendidi capitelli romanici, e il Castello medioevale di Volpaia.
Panorami da sogno dalla Torre di Castellina
Come Radda, anche Castellina in Chianti, ultima tappa del nostro weekend in
camper toscana chianti vino castellina chiesa san salvatorecamper, si trova in cima a una piccola altura. Parti delle mura originarie sono presenti ancora oggi e costituiscono un affascinante camminamento coperto, su cui si affacciano ristoranti e botteghe. Dalle feritoie si schiudono squarci di paesaggio meravigliosi, che gli amanti della fotografia non possono non immortalare. Nel centro del paese, lungo il corso principale si trovano due imponenti edifici: Palazzo Banciardi e Palazzo Squarcialupi. Nelle sale di quest'ultimo, all'interno dell'Enoteca Antiquaria da più di cento anni sono custoditi vini che costituiscono la testimonianza delle caratteristiche originali del Chianti Classico.
Sempre in centro c'è la Chiesa di San Salvatore, dove si può ammirare una splendida “Madonna con bambino” di Lorenzo di Bicci. Vicino al luogo sacro si trova la Torre, dalla cui cima è possibile ammirare panorami indimenticabili. All'interno della costruzione, invece, c'è il Museo Archeologico del Chianti Senese (tel. 0577.742090, email info@museoarcheologicochianti.it, sito internet www.museoarcheologicochianti.it), che descrive l'antica storia di questo vino con reperti archeologici e altro materiale raccolto in quattro località del versante senese (Gaiole, Radda, Castelnuovo Berardenga e, appunto, Castellina). Appena usciti dal paese, si può infine visitare il tumulo etrusco di Montecalvario.
Vino e non solo
Il Chianti, vino rosso rinomato in tutto il mondo, ha origine in un'area compresa tra Firenze e Siena. Dal sapore armonico e asciutto, si abbina alla perfezione ai primi piatti saporiti, ad arrosti e cacciagione e a formaggi stagionati non piccanti.
Se la zona del Chianti è conosciutissima grazie al celebre vino, il palato dei golosi può essere deliziato anche con altre prelibatezze. I piatti caratteristici di questi luoghi sono pietanze “povere”, che fin dai tempi antichi venivano preparate con ingredienti di tali territori. Gli antipasti tipici sono la panzanella (pane arrostito con pomodoro, cipolla, basilico e cetriolo) e l'ancor più semplice fettunta (pane con olio d'oliva, sale, pepe e aglio). Gli amanti dei crostini non possono poi rinunciare a provare queste tre varietà: di cavolo nero, di butteri e di beccaccia. Tra i primi, a far la parte del leone è la ribollita, una minestra a base di pane raffermo, spinaci, cavoli, fagioli, pomodori e cotenna di maiale, condita con sale, pepe e olio d'oliva locale. Tra i secondi, la bistecca fiorentina, carne chianina proveniente dalla vicina Val di Chiana, non conosce rivali. In alternativa, si possono provare i fegatelli alla fiorentina, il pollo alla cacciatora e altri piatti a base di selvaggina. Il tutto, ovviamente, da accompagnare con un ottimo Chianti.
Dove sostare in camper
Di seguito, le aree di sosta per il camper presenti in zona.

Gaiole in Chianti: in Via Buonarroti, vicino al campo sportivo (coordinate GPS: 43° 27‘ 59'' N 11° 25‘ 58'' E), in un parcheggio per auto e pullman, ci sono due piazzole con fontanella per l'acqua riservate ai camper.
• Radda in Chianti: sotto il paese, lato Sud, lungo la circonvallazione Santa Maria (coordinate GPS: 43° 29‘ 11'' N 11° 22‘ 31'' E).
• Castellina in Chianti: in Via Chiantigiana (coordinate GPS: 43° 28‘ 23'' N 11° 17‘ 15'' E) c'è un'area asfaltata a pagamento (dalle 4 alle 24) per 30 mezzi, dove vige però il divieto di campeggio.
• Castelnuovo Berardenga: in via degli Etruschi (frazione San Gusmè, coordinate GPS 43° 23‘ 17'' N 11° 29‘ 49'' E) c'è un punto sosta su sterrato utile per la notte.

 

Autore: 
Redazione Camperlife
Punteggio: 
3

Average: 3 (1 vote)

Coordinate: 
Latitudine: 11.355629000000 - Longitudine: 43.503243000000
Data Aggiornamento: 
11-04-2017
Data Pubblicazione: 
24-10-2012