Tu sei qui

Tour enogastronomico nel Centro Italia, in camper

Quattro tappe in camper per rilassarsi, godere le vacanze e gustare le prelibatezze locali


Le vacanze sono il periodo migliore per rilassarsi e dedicarsi a quello che più piace. Appena hanno qualche giorno libero, per gli amanti della buona tavola non c'è niente di meglio che organizzare un tour culinario in camper: oltre alle bellezze architettoniche, così avranno anche modo di gustare le prelibatezze locali. La nostra proposta prevede quattro tappe, ciascuna delle quali in una regione diversa. Vediamo dunque come preparare al meglio questa vacanza enogastronomica in camper nel Centro Italia.

Montalcino: nel segno del Brunello


La prima tappa del viaggio culinario in camper è Montalcino, nella splendida Val d'Orcia, nel Senese. Per parcheggiare il camper, le soluzioni più vicine al centro sono le aree di sosta di Via Moro, in zona Lo Spuntone (coordinate GPS: 43° 3‘ 21'' N 11° 29‘ 17'' E) e quella di Via Borgo di Mezzo (coordinate GPS: 42° 59‘ 42'' N 11° 30‘ 59'' E).

camper toscana montalcino brunello panoramaPiù distanti dal centro, ma con maggiori servizi:

  • Agriturismo Il Cocco, situato in località Villa a Tolli (coordinate GPS: 43° 2‘ 8'' N 11° 29‘ 48'' E, tel. 0577.848650)

  • Agriturismo Le Ferraiole, che si trova in località Borgo di Mezzo (coordinate GPS: 42° 59‘ 42'' N 11° 30‘ 59'' E, tel. 0577.835796).

Cuore pulsante di Montalcino è Piazza del Popolo, dove c'è il Palazzo dei Priori, sulla cui facciata ci sono molti araldi delle famiglie che hanno governato la città. Il Duomo, ricostruito nell'Ottocento in stile neoclassico, è dedicato a San Salvatore. Tra le numerose opere al suo interno, c'è anche la meravigliosa “Immacolata concezione con Gesù e Dio Padre” di Francesco Vanni.

Montalcino è famosa per il suo pregiato Brunello, un vino Docg ottenuto da uve Sangiovese, che ha un colore camper toscana montalcino brunello abbazia sant'antimorosso rubino intenso e un sapore robusto e asciutto. Per degustarlo, si può andare in una delle tante aziende agricole che si trovano lungo le due vie che portano al paese. I piatti tipici della zona sono la ribollita, i pici (pasta lunga da condire in diversi modi), la fiorentina, il pecorino toscano Dop, il panforte e i cantucci, da accompagnare con il vin santo. In tema di vini, oltre al Brunello in questa zona si producono il Rosso di Montalcino Doc, il Moscardello di Montalcino Doc (bianco) e il Sant'Antimo Doc (sia rosso sia bianco).

Quest'ultimo prende il nome dall'Abbazia di Sant'Antimo, che si trova fuori dall'abitato di Montalcino e dove si può arrivare in camper, che si può lasciare nell'ampio parcheggio antistante. Il complesso monastico, in stile romanico, ha una meravigliosa abside. Sull'altare c'è un enorme crocifisso e sopra le navate si trovano le tribune e l'appartamento del Vescovo.

Norcia: riflettori su San Benedetto, salumi e tartufo nero


Lasciata Montalcino, seguendo le strade SP14-SP10-E78-RA6-SS75-SS3-SS685, il nostro tour enogastronomico arriva alla seconda tappa: Norcia. Si può sostare in camper nel parcheggio fuori dalle mura, vicino a Porta Ascoli (coordinate GPS: 42° 47 24'' N 13° 5 36'' E), e da qui raggiungere il paese con una navetta, o nel parcheggio dei Piani di Castelluccio, nella conca dei Monti Sibillini (coordinate GPS: 42° 48 1'' N 13° 11 22'' E).

camper umbria norcia san benedetto centro storicoIl paese è conosciuto in tutto il mondo per aver dato i natali a San Benedetto. Nella piazza principale ci sono diverse sue tracce: dalla statua a lui dedicata alla Basilica del Santo Patrono, costruita su vestigia romane del I secolo e con una facciata in stile gotico. Nella cripta della costruzione sono custoditi i resti dell'edificio che fu la casa dei Santi gemelli Benedetto e Scolastica. Sempre nella piazza, si trovano la Castellina, la residenza del Prefetto della Montagna, e il bel Palazzo Comunale. Molto vicino c'è la Concattedrale di Santa Maria Argentea, al cui interno c'è uno splendido altare di F. Duquesnoy.

Il paese è famoso per la norcineria, il cui fiore all'occhiello è il prosciutto crudo stagionato Igp, che si ricava dal cosciotto di maiale e si lavora secondo antiche tecniche a un'altitudine superiore ai 500 metri. Oltre ad altri salumi, tra cui le salsicce di carne di cinghiale, a Norcia si possono assaporare anche il tartufo nero (usato anche come ingrediente di piatti di pasta, carne, pesce e persino di dessert), i formaggi (su tutti la ricotta salata) e le lenticchie di Castelluccio Igp, che si cucinano aggiungendo solo sedano, olio, sale e aglio.

San Benedetto del Tronto: olive di pesce e anche all'ascolana


Dopo Norcia, il viaggio enogastronomico in camper riprende alla volta di San Benedetto del Tronto, che si raggiunge percorrendo prima la SS685, poi la SS4, infine l'RA11. È possibile lasciare il mezzo nell'area attrezzata di Viale dello Sport (tel. area sosta 348.6059221), vicinissimo al mare, o nel piccolo parcheggio gratuito di Via Scarlatti, altezza del Bagno 72 (coordinate GPS: 42° 55 22'' N 13° 53 44'' E).

camper marche san benedetto del tronto spiaggia Tra piste ciclabili e lunghe file di palme intervallate da oleandri, il lungomare è incantevole. Il nucleo urbano antico, con le case in cotto e le stradine strette, è lontano dalle spiagge e vicino al Castello, che dall'alto domina la città. Maestosa e imponente è la Torre dei Gualtieri. Piccola ma di grande significato per i credenti è la Chiesa di Santa Lucia, chcamper specialità olive ascolanee si trova nell'omonimo quartiere e meta di pellegrini soprattutto nel giorno di Pasqua. L'edificio religioso più importante del centro è invece la Chiesa abbaziale di San Benedetto Martire, che al suo interno custodisce una Madonna del Rosario del Trecento e una Madonna del Carmine del Cinquecento.

La specialità di San Benedetto del Tronto sono le olive fritte ripiene di pesce, più semplicemente dette olive di pesce. Nonostante la rivalità tra le due cittadine, anche qui si possono gustare ottime olive ascolane. In entrambi i casi, l'accostamento perfetto è quello con un vino bianco della zona, come il Pecorino Doc, che profuma di frutti tropicali e fiori bianchi. Il dolce caratteristico di queste terre è il frustingo, tipicamente natalizio, i cui ingredienti base sono la frutta secca, i fichi secchi e il cacao.

Cesenatico: spiagge, Porto Canale e piadina


Visitata San Benedetto, si prende la A14 in direzione nord e, usciti a Rimini Nord, si procede sulla SS16 fino a Cesenatico, ultima tappa del tour enogastronomico in camper. Proprio sulla SS16 si può lasciare il mezzo al Parcheggio gratuito La Rocca (coordinate GPS: 44° 12 37'' N 12° 23 8'' E, tel. 0547.673287). camper mare romagna cesenatico Chi intende fermarsi non più di due giorni e vuole stare vicino al mare, può parcheggiare il camper nell'area di sosta a fianco al Cesenatico Camping Village (coordinate GPS: 44° 13 9'' N 12° 23 0'' E). Inoltre, ci sono sei piazzole all'Agriturismo ai Tamerici di Via Mesolino, 60 (coordinate GPS: 44° 12 19'' N 12° 22 47'' E), a due chilometri dal mare e a uno dal centro, che peròè chiuso da ottobre a marzo. Le ampie spiagge sabbiose fanno di Cesenatico una località perfetta per portare i bambini piccoli al mare e rilassarsi. Cesenatico, però, non significa soltanto splendide spiagge: per esempio, sono meravigliosi i Giardini al mare, abbelliti dai tanti giochi d'acqua delle fontane. Molto suggestivo è anche il Porto Canale, camper romagna cesenatico specialità base pesce porto canale progettato da Leonardo da Vinci, dove si trova anche il Museo Galleggiante delle barche dell'Alto e Medio Adriatico. Specialmente la sera, passeggiare ai lati del canale è davvero rilassante. Sempre qui si trova il Museo della Marineria, dove è possibile osservare alcune riproduzioni delle macchine realizzate dal genio di Leonardo.

Quando ci si siede per un pasto, a Cesenatico c'è solo l'imbarazzo della scelta. Famosissima è la piadina romagnola, da gustare comodamente anche all'ombra di una pianta per un pranzo o una cena veloce. Fra zuppe, fritti e altre gustose preparazioni, qui è il pesce di questo mare a farla da assoluto padrone in tavola. Al pesce si accosta perfettamente il vino bianco, tra cui il locale Albana. Meno conosciuto, ma assolutamente delizioso è il formaggio di fossa, che può essere esclusivamente di pecora o misto e che viene fatto stagionare, appunto, nelle fosse.

 

 

 

 

 



 

 

 

Le foto che illustrano l'articolo. di Roberto De Filippis sono di Maria Francesca Piredda. Alcune sono state gentilmente concesse dagli Uffici del Turismo del Comune San Benedetto del Tronto e del Comune di Cesenatico.

 


Punteggio: 
2.90909

Average: 2.9 (11 votes)

Data Aggiornamento: 
02-01-2014
Data Pubblicazione: 
05-07-2012