Tu sei qui

Sulle sponde dei bacini del centro Italia | Camper senza barriere

In occasione di una delle prime uscite della stagione, Massimiliano e i suoi genitori decidono di visitare i laghi di Vico e Bolsena, prevedendo anche una tappa a Orvieto. E ripromettendosi di tornare per dedicare del tempo anche a Viterbo

A metà marzo abbiamo organizzato un weekend in Umbria e così un venerdì sera, dopo il lavoro, abbiamo imboccato la A1 in direzione Roma. Una volta giunti a Orvieto abbiamo deciso di fermarci per la notte nel parcheggio della funicolare, che è anche area sosta per camper con tanto di servizio docce. Il mattino, al risveglio, abbiamo ripreso l'autostrada e abbiamo proseguito fino a Magliano Sabina, per poi uscire e seguire le indicazioni stradali prima percamper rivista camperisti camperlife disabili in camper Roma e poi per Civita Castellana. Proseguendo per Carbognano e Caprarola, siamo alla fine arrivati al lago di Vico, in provincia di Viterbo.

Un lago d'alta quota
Il lago si trova in una riserva naturale costituita nel 1982, una delle prime realizzate nella regione Lazio. È circondato dai monti e si trova a 510 metri sul livello del mare: è dunque il lago più alto dell’Italia centrale. È circondato da una stupenda faggeta depressa ma anche da querce e castagneti da frutto, inoltre la fauna comprende numerosi tipi di pesci e uccelli. Essendo un lago vulcanico, nel territorio circostante le rocce portano al loro interno minerali e cristalli dai vari colori. Dopo aver fatto una passeggiata lungo le sue rive, ci siamo fermati a pranzo in un ristorante caratteristico dove abbiamo degustato prodotti tipici. Dopodichè, scattate alcune foto panoramiche, ci siamo rimessi in viaggio verso il lago di Bolsena che è il bacino di origine vulcanica più grande d’Europa ed il quinto per dimensione in Italia.

Tra Bolsena e Orvieto
Al suo interno si trovano due isole: l'Isola Bisentina di forma sinuosa e l’Isola di Martana che apparteneva alla regina Malasunta. Si dice che quello di Bolsena sia il lago più pulito di tutta Europa. Deve il suo nome all'omonimo paese e nei suoi dintorni troviamo altri luoghi caratteristici come Vulci e Viterbo. Trascorriamo la notte all’agricamper Monterotondo, che si trova sul lago ed è immerso nel verde: per arrivare al lago basta attraversare la strada e percorrere un viottolo sterrato ma praticabile anche con la carrozzina. Il mattino successivo abbiamo diretto il nostrocamper rivista camperisti camperlife disabili in camper camper verso Orvieto e abbiamo sostato nel parcheggio della funicolare dove avevamo dormito un paio di notti prima. Abbiamo deciso di visitare la città sfruttando anche la funicolare, comoda anche per le carrozzine. Orvieto è una città etrusca ed una delle più antiche d’Italia: le sue origini risalgono al IX secolo a.C. Il suo centro, dall'aspetto quasi medievale, è accessibile anche a disabili. Una delle cose più importanti da vedere è il Duomo in stile Gotico Romano con le fiancate colorate a strisce orizzontali bianche e nere, mentre la facciata è adorna di mosaici colorati. All'interno di questa struttura, la cui costruzione ha avuto inizio nel 1290, sono custodite tantissime opere d’arte. Altra attrattiva è il Pozzo di San Patrizio voluto da Papa Clemente, che dopo aver vissuto il Sacco di Roma nel 1527 volle che fosse creato un pozzo che mettesse la città al sicuro dalla mancanza di acqua in caso di assedio. Il pozzo fu progettato da San Gallo il Giovane: profondo 62 metri e largo 13, è circondato da due scale indipendenti che consentivano agli animali da soma di trasportare l’acqua senza doversi incrociare tra salita e discesa. Vista la sua conformazione, è difficilmente accessibile alle sedie a rotelle.

Da non perdere
Tutti i posti da noi visitati non hanno deluso. Al lago di Vico imperdibile un giro lungo le sponde e una degustazione della cucina sia di lago che di terra. Interessanti i paesi nei dintorni, compreso Bolsena e il suo porto. Orvieto invece offre tantissima storia e tutto il centro, anche il Duomo, è percorribile da disabili. Per raggiungere Orvieto dal lago di Bolsena si passa per Viterbo: noi per motivi di tempo abbiamo dovuto saltare una visita alla città ma ci siamo ripromessi di tornarci e dedicarle più attenzioni.

Informazioni utili per il camperista

Come arrivare in camper a Orvieto e ai laghi di Vico e Bolsena
Da Modena imboccare la A1 in direzione Roma e uscire ad Orvieto. Da Orvieto riprendere la A1 in direzione Roma e uscire a Migliano Sabina, seguire le indicazioni per Roma e poi Castellana e prendere il primo svincolo Fabbrica di Roma, seguire Carbognano e poi Caprarola e, infine, lago di Vico.
Dal lago di Vico al lago di Bolsena prendere in direzione Viterbo, poi seguire sr 80 e sp 2 fino a Monte Fiascone fino ad arrivare a Bolsena.
Da Bolsena ad Orvieto prendere la sp 53 e la sr 71.
Dove sostare in camper a Orvieto e ai laghi di Vico e Bolsena
Area sosta Orvieto, parcheggio della funicolare, 05018 Orvieto, GPS: N 42° 43' 31.573'' E 12° 7' 37.365'', convenzionato con il Club CLife.
Agricamper Monterotondo Bolsena, via del Lago, 01027 Montefiascone (VT), GPS: N 42° 33' 17.147'' E 11° 59' 52.85''.
Per altre soluzioni di sosta nel circondario consultate il nostro dbase delle aree di sosta per camper

Mettiamoci in contatto
Vorrei che i disabili camperisti fossero consapevoli fin dalla partenza della situazione che incontreranno a destinazione, per questo redigo diari di viaggio dettagliati delle mie esperienze fornendo loro strumenti concreti per pianificare i loro spostamenti. Per svolgere in maniera più costante questa mia attività di raccolta di informazioni preziose per i portatori di handicap, mi piacerebbe avere il supporto di aziende sensibili al tema. Se qualche operatore del settore fosse disponibile a contribuire a questi viaggi alla scoperta di nuovi orizzonti oppure se in ascolto ci sono potenziali compagni di viaggio, ecco i miei contatti: tel. 335/5227470, massimiliano.ferrari76@gmail.com.

 

Autore: 
Massimiliano Ferrari
Punteggio: 
0

No votes yet

Data Aggiornamento: 
28-09-2018
Data Pubblicazione: 
10-03-2018