Tu sei qui

Speciale parchi tematici in camper: Legoland

In camper nella terra dei mattoncini più famosi del mondo

La stessa fantasia, immaginazione e creatività che hanno fatto dei LEGO un oggetto di culto per generazioni di bambini rivivono intatte in un parco tematico capace di stupire i visitatori di ogni età.
Alzi la mano chi non conosce i LEGO! Probabilmente ognuno di noi - chi più, chi meno - ha trascorso parte dei camper legoland minilandsuoi giochi d’infanzia o del suo tempo libero a costruire ogni tipo di veicolo, edificio o struttura dettata dalla libera fantasia con i mattoncini di plastica più famosi del mondo. Molti di noi sono probabilmente rimasti anche a bocca aperta di fronte alle sculture o alle ricostruzioni in scala reale di oggetti famosi realizzate con i LEGO, per mano della stessa azienda, di artisti o di semplici appassionati. Ma probabilmente non sono così in tanti a sapere che da quasi cinquant’anni la Casa danese ha fatto dei suoi mattoncini la base di veri e propri parchi tematici, costruiti quasi interamente di LEGO, dove mostrare le infinite potenzialità e applicazioni di questo geniale e intramontabile giocattolo, avvicinandolo ancora di più al mondo della fantasia e dell’immaginazione.
E allora, che ne dite di un bel viaggio in camper alla scoperta del regno dei mattoncini colorati?
Il primo Legoland, questo il nome scelto per i parchi divertimenti, è sorto nel 1968 in Danimarca, a Billund, esattamente accanto allo storico stabilimento dell’azienda, nata qui nel 1934.
Il parco si estende su circa 120.000 mq e dalla sua apertura ha ospitato ben 40 milioni di visitatori, fino a rappresentare oggi, con una media di 1,5 milioni l’anno, il monumento più visitato in Danimarca dopo Copenaghen.
Dopo il successo del Legoland di Billund, sono stati realizzati altri due parchi europei, quello tedesco di Günzburg nella Germania meridionale e quello inglese di Windsor, subito a ovest di Londra, più due americani: in California e in Florida. Il 15 settembre 2012, inoltre, aprirà i battenti il sesto parco ufficiale di Legoland, dalla parte opposta del globo, in Malesia.

Miniland: un mondo di mattoncini.
Pur se differenziati nelle dimensioni e per alcuni tipi di attrazioni, tutti i parchi sono accomunati dalla presenza di precise aree tematiche e da un’offerta generalmente simile.
Piatto forte e cuore di ogni Legoland è il Miniland, una sorta di mondo in miniatura in scala 1:20 dove ammirare ricostruzioni davvero spettacolari di famosi monumenti internazionali, tutte rigorosamente realizzate di soli mattoncini.
È difficile spiegare a parole la meraviglia che si prova di fronte alla minuziosità delle ricostruzioni, alla cura dei dettagli, all’esorbitante numero di mattoncini utilizzati - 50 milioni in tutto il parco! - e all’imponente lavoro che si cela dietro queste incredibili realizzazioni.

camper legoland miniland

Sarà una vera gioia per gli occhi scoprire i più importanti edifici di Copenaghen, dalla rossa residenza reale di Rosenborg al palazzo reale di Amalienborg, fino a tutta l’area del porto con le sue caratteristiche case colorate che si specchiano sulle acque del canale, solcate da barche e chiatte, anch’esse fatte di LEGO.
Dopo pochi metri a piedi vi ritroverete in America, di fronte alla Statua della Libertà, fatta con 1 milione e 400mila mattoncini, o al Capitol, la sede del governo a Washington, per poi arrivare al tempio di Abu Simbel in Egitto, passando dalla Cattedrale di Santo Stefano a Vienna, da un tipico paesino norvegese o sotto l’Acropoli di Atene.

camper legoland miniland barchecamper legoland miniland treno

Potrete compiere questo strabiliante viaggio intorno al mondo a piedi oppure a bordo di uno dei tanti mezzi di mattoncini disponibili: sorvolando sulla monorotaia a 4 metri di altezza, navigando per i canali su splendidi mini-motoscafi o con il classico trenino, se si può chiamare “classico” un treno interamente fatto di LEGO!
E se volete vedere tutto il mondo con un solo colpo d’occhio, salite sulla Legotop, un colorato ascensore rotante che si solleva lungo una torre fino a un'altezza di 36 metri per regalarvi una splendida vista panoramica.
Tra le attrazione presenti in ques’area segnaliamo il Safari che vi condurrà a bordo di jeep zebrate attraverso la savana africana, dove avvisterete elefanti, giraffe, leoni e altri animali selvaggi interamente di LEGO e la Scuola di Guida, grazie alla quale anche i più piccoli potranno provare l’emozione di guidare davvero al volante di simpatiche auto giocattolo.

camper legoland safaricamper legoland scuola guida

Le altre aree del parco
Oltre alle miniature di Miniland, Legoland offre moltissime altre attrazioni sul genere di quelle presenti negli altri grandi parchi divertimento europei. Rispetto alla concorrenza, a distinguerle e renderle speciali non sono i numeri da record o la ricerca del divertimento “estremo”, ma la presenza costante dei mattoncini, utilizzati in modo più o meno “strutturale” nelle scenografie o sulle giostre stesse, richiamati nelle forme, nei colori e nelle ambientazioni, che spesso ricalcano quelle dei giochi ancora oggi in vendita: dai castelli medioevali agli spazi intergalattici, dai cowboy ai pirati.
A Legoredo Town troverete le attrazioni a tema western, con il trenino che corre nella miniera d’oro, le Canoe per divertenti rafting tra gli schizzi o il Villaggio indiano dove i più piccoli potranno travestirsi da pellerossa e giocare nelle tende tepee.

camper legoland canoecamper legoland indiani

L’avventura continua in Adventure Land, nel gioco interattivo all’interno di The Temple, dove vi difenderete con pistole laser da minacciose mummie, scossi da improvvisi terremoti, o in quello all’aperto di Falck Fire Brigade, dove in molti potranno finalmente coronare il sogno da bambini di “fare il pompiere”! Le emozioni crescono ancora sulle montagne russe di X-treme Racers o sulle originali moto d’acqua di Jungle Racers.

camper legolan templecamper legoland ztreme races

Parlando d’acqua, il pensiero corre dritto ai pirati. E allora godetevi un giro d’esplorazione sulla barca di Capitan Roger o uno molto più movimentato sul vascello di Pirate Wave Breaker tra saliscendi a prova di mal di mare: siete a Pirate Land!
Qui tra cascate e giochi d’acqua, l’attrazione da non perdere è quella di Pirate Splash Battle, una battaglia navale dal vivo, a bordo di vascelli fatti di LEGO, dai quali dovrete sparare con cannoni d’acqua contro bersagli e avversari.

legoland pirate splash battlelegoland pirate splash battle

Se non vi siete bagnati abbastanza, avrete modo di provarci ancora nel Knights Kingdom con - è proprio il caso di dirlo - un “tuffo” nel passato che vi riporterà ai tempi dei vichinghi. In Vikings River Splash affronterete vorticose rapide a bordo di un’imbarcazione circolare che continuerà a farvi girare la testa, fino a condurvi alla cascata finale da 8 metri di altezza. Tornati nel Castello del Re, vi resterà da affrontare il roller coaster The Dragon, a cavallo di un dragone verde tra misteriose scenografie medioevali.
Dopo tanto movimento, potrete riprendere il fiato nella Imagination Zone, ma non illudetevi: vi servirà solo per camper legoland duploland aereiperderlo di nuovo di fronte al cinema in 4D dei LEGO Studios con effetti speciali fatti di luci, suoni, animazioni e agenti atmosferici che coinvolgeranno tutti i vostri sensi.

Tenete ancora un po’ di spazio per altre emozioni, perché vi servirà nello spettacolare Atlantis, un enorme acquario, all’interno del quale potrete ammirare la ricostruzione delle rovine della città sommersa di Atlantide, oltre a 4 sommergibili e 15 figure di subacquei, per i quali sono stati utilizzati complessivamente 230mila mattoncini.
Non sono fatti di LEGO, ma di carne e lische, i tanti animali marini che potrete osservare tutt’intorno a voi, al di là delle gallerie di vetro. Tra squali, pesci tropicali e piante acquatiche, la vera star è il cosiddetto Crabzilla, il più grande granchio gigante giapponese della Danimarca, con un’apertura di chela di ben 2 metri!
camper legoland duploland treninoSe avete bambini molto piccoli, è d’obbligo una sosta a DUPLO Land, l’area espressamente dedicata a loro, che propone giochi più facili e tranquilli, così come gli omonimi mattoncini rappresentano la versione semplificata, più grande e maneggevole, dei LEGO. Il trenino, la giostra degli aeroplani, la ruota panoramica e il parco giochi faranno la gioia dei piccoli, anche grazie alle loro forme simpatiche dai colori primari.
Come ogni parco tematico che si rispetti, anche Legoland amplia e rinnova la sua offerta di anno in anno. Per il 2012, la grande novità è rappresentata da un’intera nuova area chiamata Polar Land. Ambientata, come il nome fa facilmente intuire, tra i ghiacci del Polo, ha il suo centro nella Penguin Bay, una sorta di minizoo per soli pinguini: circa 156 metri quadri che riproducono il più fedelmente possibile l’ambiente naturale antartico e ospitano veri pinguini, che potrete ammirare da molto vicino.
Affianco ad essa, sorgono gli enormi iceberg che fanno da scenografia del Polar X-plorer, il roller coaster più grande e veloce di Legoland, con punte massime di 65 km/h e soprattutto 5 metri di caduta libera verticale mozzafiato.
Completa l’area l’Ice Pilot School, un simulatore di volo che promette evoluzioni adrenaliniche nel vuoto, grazie a 10 bracci metallici che possono combinare 70 differenti tipi di movimenti con vari livelli di velocità, fino a creare milioni di travolgenti coreografie nell’aria.

Informazioni utili per il camperista
Legoland è aperto al pubblico da inizio aprile a fine ottobre, con orari diversi in base alla stagione. L’apertura avviene sempre alle 10.00, mentre la chiusura nei mesi estivi varia tra le 20 e le 21, con le attrazioni che però si fermano un’ora prima.
I bambini fino a 3 anni entrano gratis, mentre per tutti gli altri i prezzi oscillano intorno ai 40 euro, in base all’età e al cambio di valuta, visto che in Danimarca vige ancora la moneta locale, la corona danese. Sono accettati pagamenti in euro, ma l’eventuale resto viene reso in corone.
Per informazioni aggiornate e dettagliate su orari, prezzi, promozioni e servizi di Legoland Billund, vi rimandiamo al sito www.legoland.dk: chiaro, completo e ben fatto, è consultabile in inglese, tedesco, ma non in italiano

Come arrivare in camper a Legoland
Il viaggio fino in Danimarca in camper richiede almeno un paio di giorni dal confine italiano, da cui Billund, situata nella parte centrale della penisola dello Jutland, dista oltre 1200 km.
Dato che difficilmente vi muoverete con il solo obiettivo di visitare questo pur meritevole parco tematico, lasciamo a voi la pianificazione dell’itinerario che preferite. Quello che è certo è che per raggiungere la Danimarca dovrete attraversare tutta la Germania. La via più diretta per farlo in camper è passare il confine a Chiasso, prendendo la E35 fino a Bellinzona, da qui proseguire sulla E43 fino a Wurzburg e immettersi sulla E45 che, superando Hannover e Amburgo, vi condurrà in Danimarca. Uscendo dall’Italia da altri confini, dovrete pianificare diversamente la prima parte del percorso fino a immettervi comunque sulla E45.
Se scegliete Legoland come prima tappa del vostro viaggio in camper, vi basterà continuare a salire lunga la E45 fino a Kolding e qui prendere l’uscita 62 in direzione Billund, proseguendo poi su strade statali fino a destinazione.

Dove sostare in camper a Legoland
Il parco dispone di un ampio parcheggio situato di fronte l’ingresso e suddiviso in 6 zone, all’interno del quale è possibile parcheggiare liberamente i camper. Non sono presenti, però, servizi di alcun genere e la sosta è consentita soltanto durante le ore di apertura del parco, mentre è vietato il pernottamento.
Se scegliete di trascorrere a Legoland un paio di giorni o comunque di fermarvi nella zona, potreste trovare la soluzione ideale nel Camping Billund FDB. Situato a meno di 500 metri dall’ingresso del parco, è dotato di piazzole comode e ben disegnate e di tutti i servizi necessari oltre che di piscina, ristorante con menu per bambini, wi-fi gratis ovunque, area giochi e addirittura un piccolo zoo.

Suggerimenti di viaggio
Da Billund, potrete poi raggiungere in camper altri interessanti località danesi, tra cui consigliamo Ribe, poco più a sud, la più antica città vichinga della Scandinavia (che potrete ammirare in miniatura anche all’interno del parco tematico).
Lasciando lo Jutland e procedendo a est sulla altre isole dell’arcipelago danese, incontrerete Odense, pittoresca città natale dello scrittore di fiabe Hans Christian Andersen, fino a raggiungere Copenaghen, l’affascinante capitale dello Stato.
Da qui, potrete spingervi a nord verso la zona dei castelli, tra cui quello di Kronborg, dove è ambientato l’Amleto di Shakespeare (e anch’esso riprodotto a Legoland) o a sud verso le bianchissime falesie dell’isola di Møn.

 

Autore: 
Redazione Camperlife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
15-05-2016
Data Pubblicazione: 
17-06-2012