Tu sei qui

Sorprendente Lituania | Viaggi in camper

Nell’agosto 2016 Valter ha viaggiato verso Est a bordo del suo fedele Elnagh, che da 15 anni ha concesso a lui e alla sua famiglia di girare in lungo e in largo per l’Europa. Questo viaggio fuori dai tradizionali schemi turistici lo ha portato alla scoperta di luoghi fantastici e gli ha regalato sensazioni memorabili.

La Lituania, tornata all’indipendenza nel settembre 1991, dal 2004 fa parte dell’Unione Europea e nel 2015 ha adottato l’euro come moneta nazionale. La gastronomia risente dell’influenza delle cucine di tutti gli stati confinanti, camperlife viaggi in camper Lituania Klaipedama anche di quella ebraica. Da assaggiare i famosi tortelli Pierogi e i Cepelinai, a base di patate grattugiate e cotte.

Tappa a Klaipeda
È il 12 agosto e ci fermiamo a Klaipeda, che è la terza città lituana. Klaipeda fu roccaforte dell’Ordine dei Portaspada (1252) e quindi importante città della lega anseatica. Appartenne in seguito a Prussia e Germania e il passato tedesco emerge da molti tratti della sua architettura, compresa la famosa torre dell’orologio. Il centro storico ha subito diverse violenze durante la Seconda Guerra Mondiale. Sulla riva sinistra del Dane sorge la piazza del Teatro Aikste, con il neoclassico Dramos teatras della seconda metà XIX secolo. La piazza è ornata da monumenti dedicati a personaggi illustri. A partire dal XVIII secolo, sulla riva destra del fiume è cresciuta la città nuova, parallelamente allo sviluppo del porto e al formarsi delle prime industrie. Sull’arteria principale si affaccia la galleria d’arte cittadina e poco più avanti il museo dell’orologio.

camperlife viaggi in camper Lituania Klaipeda

In pellegrinaggio a ŠIAULIAI
Uno dei luoghi più caratteristici di questo paese è Šiauliai dove troviamo la Collina delle Croci. È sempre il 12 agosto e mi trovo solo in questo luogo magico e si sta facendo notte. È un posto semplice, non è neanche una collina, tutto intorno il nulla, potrebbe anche non esserci, ma è un luogo sacro e il turbamento e la commozione sono in agguato. I pochi visitatori rimasti, solo ombre accompagnate dal bisbiglio di una lontana preghiera confusa, si aggirano in questo bosco sacro che via via si infittisce e sale sino a giungere a un piccolo altare da dove una bianca Madonna sofferente accoglie, consapevole del peso delle richieste. C’è chi porta una croce, chi la pianta come se fosse un albero, chi guarda le croci degli altri e aggiunge una sua preghiera. Qui le croci piantate non fioriscono, si moltiplicano. C’è chi dice che sono più di quattrocentomila e a guardarsi intorno ci si può credere. Sono voci nate dalla fede immensa di gente che crede da sempre nel suo Dio e gli ha creato una cattedrale senza muri.

camperlife viaggi in camper Lituania siauliaicamperlife viaggi in camper Lituania duna nida

Penisola di Neringa
Il giorno seguente raggiungiamo in camper la penisola salendo sul traghetto da Klaipeda. È una sottile striscia di terra camperlife viaggi in camper Lituania duna nidache si stende per 98 km e separa la laguna dei Curi dal Mar Baltico. Politicamente è divisa a metà tra la Lituania e la Russia. Geograficamente è un lido, ossia una formazione tipica dell’ambiente lagunare creatasi con il progressivo accumulo di sedimenti sabbiosi e che di fatto separa la laguna interna dal mare aperto. Costituita esclusivamente da sabbia, è caratterizzata da enormi dune mobili, alte fino a 60 metri. La grande duna di Nida è una delle maggiori d’Europa e viene anche chiamata il “Sahara della Prussia Orientale”. Nida è il punto più occidentale della Lituania e degli Stati baltici, vicino al confine con la Russia, exclave di Kaliningrad. Dal paese si può salire ad ammirare le dune, per un sentiero che ci fa pensare a una nuova grigia giornata, al risveglio al campeggio pensiamo di incontrare l’agognato Mar Baltico in tutta la sua possanza e leggendaria maestosità. E prima di riprendere il viaggio verso altri camperlife viaggi in camper Lituania collina streghelidi di questa sconosciuta ma intrigante terra, andiamo a camminare sulla sabbia ancora bagnata, con un flebile sole che stenta a far capolino. Visitiamo il tranquillo villaggio balneare di Juodkrantė (Riva Nera) che conta solo 720 abitanti. Per secoli borgo di pescatori, è situato nel centro storico di un ex territorio prussiano. Un parco di sculture “Terra e Acqua” fa bella mostra sulla banchina in riva al mare, per due chilometri e mezzo, lungo la laguna.

La collina delle streghe
Parcheggiato il camper in riva al mare, ci inoltriamo in una piacevole passeggiata lungo questa collina, per vedere una grande raccolta di sculture lignee di vari artisti che si sviluppa lungo tutto il percorso. Il parco sculture iniziato nel 1979 presenta più di 70 oggetti in legno, in maggior parte figure di leggende lituane o racconti popolari. Da sopra, tra le fitte fronde del parco, si può avere una bella vista del mare e della laguna. 

camperlife viaggi in camper Lituania kaunascamperlife viaggi in camper Lituania kaunas

KAUNAS, la città di Napoleone
Seconda città della Lituania, fu fondata, secondo una leggenda, dai romani nel XII secolo alla confluenza dei due principali fiumi Nemunas e Neris. Il centro storico ha diversi edifici in stile gotico-rinascimentale e con una tipica architettura barocca ed è un concentrato di monumenti antichi: i resti del castello del XIII secolo, la Cattedrale, la chiesa dei gesuiti e della SS. Trinità, così come il Vecchio Municipio, soprannominato il “Cigno bianco” per il colore e camperlife viaggi in camper Lituania  Nidala sua architettura affascinante. Il viale della Libertà è il fulcro, sia per gli abitanti che per i turisti: una strada pedonale lunga quasi due chilometri. All’estremità orientale, la chiesa di San Michele Arcangelo. In città, nella via principale Vilniaus G. 14, un tipico ristorante con una bellissima sala riesce a catturarti con un affresco che rappresenta l’armata francese di Napoleone che attraversa il Nemunas. Il fiume nasce in Bielorussia, attraversa la Lituania e dopo aver formato il confine settentrionale di Kaliningrad (Russia) sfocia nel Mar Baltico. Durante la notte del 23 giugno 1812 vennero allestiti tre passaggi attraverso il fiume, vicino a Jiesia. Un esercito di 60mila soldati, al grido di “Viva l’imperatore”, si mise in marcia verso il fiume. Questo fu l’inizio della seconda guerra polacca (tra i francesi e l’impero russo). L’attraversamento del Nemunas è considerato una delle più importanti operazioni di questo tipo di tutta la storia militare per la velocità con cui fu organizzato e per il guado - senza alcuna perdita - di migliaia di persone, cavalli e altri beni militari. Il dipinto sul muro fissa un frammento di questo significativo evento. Termina qui il nostro itinerario in Lituania, inserito in un viaggio ben più ampio che ha toccato vari altri paesi dell’Europa dell’Est.

 

 

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

No votes yet

Data Aggiornamento: 
28-09-2018
Data Pubblicazione: 
05-04-2018