Tu sei qui

Pentolame e stoviglie by Brunner

I preparativi prima della partenza includono il caricamento della dispensa e lo stivaggio di stoviglie e simili, indispensabili quando ci si mette in marcia su una casa itinerante. Ecco qualche suggerimento su come organizzarci al meglio.

Lo spazio di stivaggio di un camper non permette grandi divagazioni e quindi occorre scegliere bene cosa portare e come organizzare pensili e cassettoni. Il posizionamento non va sottovalutato, perché quello che sembra stabile da fermi, può rivelarsi “ballerino” dopo alcune buche. Anche lo sfregamento dovuto alle vibrazioni che si innescano durante la marcia può essere distruttivo: potreste ritrovare la vostra serie di pentolame antiaderente completamente graffiata e quindi inutilizzabile, se non bloccata e protetta in maniera adeguata. Aggiungiamo che il tintinnìo prodotto da questi oggetti può risultare devastante per il sistema nervoso dell’equipaggio: dal momento che questo sottofondo vi accompagnerebbe per tutto il viaggio, è da evitare. 

camper camperlife rivista camperisti

Soluzioni ad hoc
In questo ambito occorre utilizzare prodotti specifici per camper, per tanti motivi che vanno dall’ingombro al peso, nonché alla resa, pensate per esempio a una pentola in acciaio con fondo maggiorato, che utilizzata sui fornelli del camper non garantirebbe lo stesso risultato di un fornello casalingo, perché le potenze in gioco sono diverse e ci sarebbe un dispendio di gas. Anche in questo settore la tecnologia ha fatto passi avanti, con l’utilizzo di materiali innovativi, in alcuni casi anche inglobandone diversi, come il silicone con l’alluminio, e la ceramica al posto dei tanto chiacchierati trattamenti aderenti PTFE, su cui non si è mai giunti ad un verdetto in merito alla nocività. Un'azienda leader del mercato per quanto riguarda la produzione di oggettistica da cucina per campeggio, e non solo, è la Brunner, che nel corso della sua lunga storia ha sviluppato prodotti innovativi.

Pentole e simili
Da sempre un simbolo del set di pentolame per il campeggio è la Popote, così vengono definite le serie di pentole impilabili con manici staccabili salvaspazio, principalmente in allumino per questioni di peso e resa energetica. In catalogo si trovano Popote per tutte le tasche ed esigenze e in questo caso abbiamo toccato con mano due serie, le novità del 2018, completamente differenti tra di loro. La serie Cosmic (87,90 euro) è in allumino con rivestimento antiaderente a lunga durata in ceramica, fondo a induzione e manici rivestiti in silicone, dal peso e ingombro contenuto. È costituita da tre pentole, con diametri da 18 a 22 cm, di cui due con manici ed una con manico staccabile con sistema di bloccaggio. Sono compresi due coperchi, sempre con manici rivestiti in silicone, un poggia mestolo in melamina e un sottopentola in bambù, il tutto completo di borsa pieghevole per il trasporto o lo stivaggio. La serie Omnibox (89,90 euro), invece, risulta essere l’opposto della precedente, essendo in acciaio e con manici fissi rivestiti in silicone, costituita da 3 pentole con diametri che vanno da 17 a 23 cm, e coperchi in vetro con valvola di sfiato. In questo kit sono compresi numerosi utensili, come cucchiaio e mestolo, grattugia, forbice e coltello, ed altri ancora, il tutto da poter riporre in una borsa per lo stivaggio, con una copertura aggiuntiva per il trasporto. Al tatto si sente la sensazione di robustezza che trasmette l’acciaio, ma è innegabile tutto questo si paghi sulla bilancia, ed anche la praticità dei manici fissi e lunghi si scontra durante la disposizione nei pensili. In tutto questo entrano in gioco delle varianti, come le preferenze personali in fatto di materiali e lo spazio a disposizione, che tra un furgonato ed un motorhome varia tantissimo, e permette ampio margine di scelta. 

Stoviglie e bicchieri
Dopo aver valutato la serie preferita di pentolame occorre pensare anche alle stoviglie: la soluzione dell’utilizzo delle stoviglie in plastica, per quanto possa essere considerata comoda, è una scelta che va abbandonata. Anche se si è in vacanza e tutti si vorrebbero riposare ed evitare di lavare i piatti, le stoviglie usa e getta verranno bandite nel giro di poco tempo (non essendo riciclabili). Oltre ad essere una scelta obbligata è anche una decisione coscienziosa quella di utilizzare prodotti appositi per il campeggio. Queste stoviglie sono realizzate in melamina, materiale plastico termoindurente, molto resistente e indeformabile al calore, utilizzato nella realizzazione di articoli da cucina, soprattutto di uso quotidiano. Non si rompe e non si rovina, è esente da rotture e scheggiature, resiste sia alle alte che alle basse temperature, ed è indeformabile. Per queste sue caratteristiche, è sempre più diffuso e apprezzato, in particolare per le stoviglie dei bambini, e proprio per le caratteristiche elencate diventa ideale per l’utilizzo in camper. Brunner con il suo kit All Inclusive Space (116,90 euro) ha messo sul mercato, in un pratico box per il trasporto, tutto quello che serve per un equipaggio composto da quattro persone, con l’aggiunta di particolari da camperista, come un anello antiscivolo presente sul fondo delle stoviglie, piatti fondi e due diverse misure di piatti piani, posate e bicchieri, inoltre tazze resistenti a oltre 90°C, ideali per bevande come il thè. In tutto si contano 36 pezzi. 

In alto i calici
Per gli amanti del buon bere, versare del vino o dei liquori nei bicchieri di plastica può essere un sacrilegio, ma anche qui esiste la soluzione: il policarbonato per uso alimentare. Con questo materiale è possibile riprodurre nella forma qualsiasi tipologia di bicchiere, da quello per il prosecco a quello per il vino rosso, da quello per grappe e amari ai boccali per la birra. Questo consente di apprezzare e valutare tutti gli aspetti organolettici, grazie a forme e caratteristiche specifiche per la valorizzazione del vino o liquore per cui è stato disegnato il bicchiere, per questo Brunner ha in catalogo tutte le varianti con la sua linea Glass Collection (a partire da 4,50 euro), che comprende anche prodotti per bevande analcoliche. Il policarbonato al tatto è molto simile al vetro, si nota la differenza solo per la temperatura di base che hanno i due materiali, dal punto di vista estetico non hanno nulla di invidiare. Questi prodotti permettono di poter avere a bordo dei calici senza il terrore di trovarli in frantumi o cimentarsi in complicati sistemi di imballaggio. Per adattare all’uso itinerante i calici, Brunner ha anche in catalogo dei pratici sottobicchiere in silicone antiscivolo, Rondò (6 pezzi 19,90 euro) che sono l’ideale per i tavoli in alluminio da esterno o quando il camper non è perfettamente parcheggiato in piano. Questi sottobicchieri sono idonei anche per essere utilizzati con lattine in alluminio o la vostra tazza preferita in terracotta. 

camper camperlife rivista camperisti

Stuoie e staffe
In catalogo troviamo anche la stuoia antiscivolo Stay Mat (a partire da 3,50 euro) in differenti colori e misure, si tratta di rotoli di PVC traforato che può essere ritagliato e utilizzato per rivestire cassetti, pensili e tutto quello che vi viene in mente, per evitare scivolamento di oggetti e tintinnio durante il viaggio. Per il fissaggio delle stoviglie troviamo due soluzioni della Brunner molto valide: la prima è Finger (7,90 euro), un pratico sistema che blocca le stoviglie impilate grazie ad un profilo di alluminio e a una staffa a pressione in resistente materiale plastico, semplice e pratico da utilizzare. Il secondo è Salvar (14,90 euro), un blocco preformato in materiale espanso in grado di contenere bicchieri e tazze di diverse misure, per riporre in modo sicuro e veloce anche le tazzine di caffè in ceramica, veramente comodo. Per rimanere sempre in tema in fatto di contenimento e stivaggio, un oggetto che non dovrebbe mancare è Barrick (a partire da 11 euro), disponibile in versione singola e doppia in due diverse lunghezze. Si tratta di un'asta di bloccaggio per pensili e frigoriferi, che assicura in modo efficace barattoli, bottiglie ecc. di grandi dimensioni e anche pesanti, essendo telescopico e bloccabile mediante rotazione (si adatta a qualsiasi posto in maniera facile e veloce). In caso di inutilizzo, per esempio quando la scorta diminuisce, si chiude in modo compatto e può essere riposto alla base del pensile. Questo accessorio di ritenzione è per me fondamentale: quando siete fermi e sistemate gli oggetti nei pensili può sembrare che sia tutto stabile, ma i sobbalzi e le curve possono variare la situazione, con la spiacevole sorpresa di aprire un pensile alla sosta successiva e vedervi cadere addosso qualcosa. Una scatoletta di tonno che cade sul tavolo da un pensile può provocare un bel danno, uno di quei buchi che rimangono per sempre, un barattolo di pomodoro che cade su un piano di appoggio in vetro lo manda in frantumi. Utilizzata in frigo evita che il contenuto vada a spingere sulla porta, durante un'inclinazione più o meno decisa come in caso di percorrenza di una rotonda, ed evita, nella malaugurata ipotesi che non sia inserita la sicura della porta, che si rovesci tutto il contenuto nel corridoio del camper. 

I “collassabili”
Nello stivaggio una grande mano la dà il silicone. Il suo inserimento nell’oggettistica ha permesso di creare recipienti collassabili, per non occupare spazio quando sono inutilizzati, ed anche in questo la Brunner ha dedicato alcune pagine del suo catalogo, che comprende oltre ai recipienti anche accessori come uno scolapasta o un semplice imbuto. La serie Snack Box (a partire da 13,90 euro) è composta da vari modelli da 0,6 a 2,65 litri. Il silicone impiegato è resistente al calore e si può riporre in frigo, questa flessibilità nell'utilizzo permette ai vari prodotti di essere universali, dalla conservazione alla tavola, grazie al coperchio con chiusura ermetica. La ciotola in silicone Fold-Away Bowl (6,90 euro), giusto per fare un esempio, passa da 8 centimetri a 2,5 centimetri, una volta richiusa, questo per farvi capire che la riduzione di spazio può essere di oltre un terzo. 

Considerazioni
Dopo aver presentato alcuni prodotti vorrei sottolineare che ognuno dovrebbe pensare allo stivaggio del materiale in maniera personalizzata, avendo le proprie esigenze in fatto di carico. Inoltre non tutti amano cucinare in camper. Si può anche pensare di ampliare lo spazio di stivaggio con mensole aggiuntive nei pensili, che consiglio rimovibili per essere flessibili nell’utilizzo, magari in misura del 50% della profondità del pensile, in modo da avere spazio sulla parte frontale per oggetti alti. Una considerazione sulle quantità: se rimanete in Italia potrete caricare la scorta per alcuni giorni, per poi rifornirla nel momento del bisogno. Oramai con la grande distribuzione troverete gli stessi prodotti del vostro supermercato preferito se proprio foste dei "nostalgici" e non voleste sperimentare le specialità locali. Se invece vi recate all’estero, fate scorta solo di quei prodotti di qualità che non troverete, come pasta, olio o parmigiano, quelli che troverete nei supermercati europei sono simili, ma lontani dalla nostra qualità e dai nostri gusti. Comunque assaggiare la cucina del luogo in cui vi trovate fa parte del viaggio: buttatevi nelle degustazioni!

 

Si ringrazia la concessionaria GiraGira per la messa a disposizione dei mezzi durante la realizzazione del servizio fotografico

 

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

No votes yet

Data Aggiornamento: 
02-10-2018
Data Pubblicazione: 
18-09-2018