Tu sei qui

L'italia si svela: Termoli

In camper alla scoperta di una supenda città sull'Adriatico

"L'acqua del mare di Termoli scompare al sole in luogo
solitario...listata di rosso e nasconde alla vista il gruppo
meravigliosamente candido
delle Isole Tremiti.
Dove approda trova un letto di sabbia brillante
che ne fa più evidente la chiarezza...
"
F. Jovine, 1941


La storia
Termoli, città dinamica in crescente espansione, conserva tesori del passato, a testimonianza di una storia prestigiosa.
Il Borgo Vecchio, sorto sulla sommità di un promontorio quasi a picco sul mare, si presenta come una cittadella fortificata, caratterizzata da vicoli e piazzette; tra questi, Vico II Castello, uno dei più stretti d’Europa.
Numerose nei secoli le incursioni subite dall’antico borgo marinaro, specie ad opera dei turchi. Famoso il saccheggio di Solimano II, nel 1566, che ogni anno viene rievocato il 15 agosto, con il tradizionale “incendio delle mura e del Castello”.
I monumenti nella storia
LLa Cattedralea superba Cattedrale in stile romanico pugliese, dalla facciata in pietra, è la risultante di una serie di fasi edilizie iniziate nell’Alto Medioevo e terminate intorno al secolo XIII, ad opera di Alfano da Termoli.
La Chiesa Cattedrale, dedicata a Santa Maria della Purificazione, si trova nel cuore del Borgo Vecchio, circondata da case basse in una piazza quadrata dalla quale in più punti si può godere della splendida vista del porto e del mare.
All’interno della Basilica sono conservate le reliquie di San Basso e di San Timoteo, discepolo dell’apostolo Paolo.
Il Castello Svevo, costruito per assicurare a Termoli una sicura difesa dal mare e dalla terraferma, oggi è il simbolo della città costiera.
La semplicità della struttura e le caratteristiche proprie del fortilizio portano a pensare che la sua costruzione risalga all’epoca normanna (XI secolo), nel luogo di un preesistente torrione di epoca longobarda. Il nome deriva probabilmente da una ristrutturazione, avvenuta intorno al 1247 ad opera di Federico II.

L’edificio è costituito da una base tronco-piramidale munita di torrette cilindriche agli spigoli e sormontata da una torre parallelepipeda.
Dal 1885 è monumento nazionale e designato come museo storico regionale.

Il mare di Termoli
Su questo meraviglioso lembo di mare si affacciano oltre 30 Km di costa adatta a tutti i gusti dalla spiaggia, finissima e selvaggia, immersa in uno dei pochi ambienti mediterranei rimasti intatti, ricco di dune e cespugli di acacie, e dagli arenili modernamente attrezzati.
Per trascorrere una giornata su queste coste è sufficiente armarsi di un telo da mare ed un paio di occhiali da sole. Per chi ama il confort di una vacanza più tradizionale, attrezzature di prim'ordine ed una ricettività turistica in continua espansione offrono al turista tutti i servizi di assistenza necessari a rendere il soggiorno piacevole e rilassante. Servizi tali da meritarsi, ormai da anni, l'ambita Bandiera Blu, che premia la qualità la qualità delle acque, la pulizia delle spiagge, l’efficienza dei servizi e l’adeguatezza delle strutture ricettive.

Divertirsi a Termoli
Lasciandosi sedurre dall'ebbrezza di un mare così invitante, si cade nella tentazione di passare una vacanza tutta sull'acqua. Un rischio improbabile in un posto ricco di opportunità per muoversi, fare sport e vivere la notte: piscine, campi da tennis, circoli di equitazione, impianti sportivi offrono al turista le alternative per trasformare la vacanza in un'occasione di benessere.
Il vero rito sportivo si compie sulla cresta dell'onda: la particolare conformazione della costa e dell'immediato retroterra fanno delle spiagge di questa zona un luogo in cui il vento è ospite costante. La spiaggia di Rio Vivo, ove ha sede uno dei circoli surf più famosi d'Italia, ospita annualmente manifestazioni agonistiche di livello internazionale.
Anche le notti riservano sorprese. Piste da ballo e discoteche, serate di musica e teatro, concerti, e poi...... rassegne canore e culturali illuminano le notti sulla costa, offrendo a ciascun turista l'opportunità di aggiungere svago al benessere.
La tradizione più sentita a Termoli è la Regata di San Basso che si celebra il 3 agosto e rientra tra le manifestazioni più importanti dell'agosto termolese.
Per rievocare la leggenda del miracoloso ritrovamento in mare delle reliquie di San Basso, ogni anno la statua, sistemata su una barca sorteggiata per l’occasione e riccamente addobbata, viene condotta lungo la costa termolese, seguita dall’intera flottiglia locale dei motopescherecci.

La gente
I termolesi e il mare. Un rapporto antichissimo che ha fortemente caratterizzato la vita della città connotandone l’anima, l’economia, la cultura. La tradizione marinara di Termoli è tra le più importanti del Medio Adriatico ed è stata caratterizzata dalle paranze ovvero le barche adibite alla pesca in coppia; la pesca è stata, per decenni, una delle più importanti leve dello sviluppo economico via via affiancata e poi parzialmente sostituita dal turismo balneare.
I trabucchi, antiche ed ingegnose macchine per la pesca a vista, punteggiavano la costa termolese dalla spiaggia di Sant’Antonio fino alla foce del fiume Biferno.
Oggi i trabucchi superstiti sono solo due: uno al porto ed un altro alla Marina di Sant’Antonio, più efficiente e maggiormente frequentato ubicato all’estremità nord-est del promontorio del borgo vecchio.

Il porto di Termoli
Unico nel Molise, è oggi porto peschereccio, passeggeri, industriale e commerciale; accoglie le navi passeggeri dirette in Croazia e alle Isole Tremiti: grazie alla sua favorevole posizione geografica, infatti, da qui si può raggiungere l’arcipelago più velocemente rispetto ad ogni altro scalo portuale.

Adiacente al suo molo sud, in posizione ottimale e protetta dai venti, è in fase di ultimazione la nuova darsena turistica che ospita imbarcazioni da diporto.
Nel corso dell'anno, data la vastità dell'area e la vicinanza dal centro cittadino, il porto è utilizzato anche per feste di piazza (come la tradizionale "Sagra del pesce") e concerti.

Nei dintorni di Termoli
Il mare, i colori, l’aria profumata e le sorprese delle fresche notti mediterranee... queste sono le Isole Tremiti.
Un luogo magico dedicato a tutti coloro che vogliono abbandonarsi ai colori della natura, a coloro che aspettano da un anno il calore del caldo sole mediterraneo o semplicemente a chi vuol correre il rischio di quanti su queste isole ci hanno lasciato “un pezzo di cuore”, innamorati di uno degli angoli più intimi, vivi e veri della nostra Italia.
Conosciute come le “perle dell’Adriatico”, le Isole Tremiti attirano ogni anno migliaia di turisti, italiani e stranieri, grazie alla limpidezza delle acque e alla bellezza del paesaggio.
La vacanza sulle nostre coste non è illuminata solo dal mare o dalla luna: pochi chilometri nell'entroterra permettono anche al turista più frettoloso di immergersi nei colori della gente e delle sue tradizioni millenarie che si intrecciano con la cultura contadina e la fede religiosa.
Partendo da Termoli e seguendo il corso del fiume Biferno bastano pochi chilometri per addentrarsi nella dolce collina molisana dove l’azzurro cangiante del mare diventa il verde cupo degli olivi secolari e quello brillante delle viti. La natura ha concentrato in uno spazio esiguo un mosaico di paesaggi, cultura, arte e tradizioni, offrendo paesaggi di suggestiva bellezza. I paesi del Molise, quasi tutti costruiti su rilievi, si ergono su vestigia sannite tra campi arati, boschi ed altipiani ricchi di sorgenti d’acqua.

La gastronomia
Una vacanza sulle spiagge di Termoli sarà l'occasione per un incontro emozionante con l’insuperabile cucina marinara che i ristoranti del posto saranno in grado di offrirvi. Aragoste, dentici, orate, spigole, triglie e calamari affollano i fondali della zona, che data la loro particolare natura e l'abbondanza di apporto di acque fluviali rendono il pesce di gusto e fragranza senza pari.
Piatto tipico di Termoli è l’ottima e corposa pescatrice ripiena, preparata con i prelibati fusilli fatti in casa.
Tutti da gustare sono i saporitissimi crostini con le cozze ed il generoso brodetto alla marinara, la ghiotta zuppa di pesce insaporita con tocchi di peperone.  Un semplice viaggio nell'entroterra sarà un’esperienza unica: i gusti spontanei del mare lasciano il posto agli aromi ed ai sapori che l'arte dei contadini hanno saputo abilmente miscelare. La terra qui è particolarmente generosa ed aiuta a celebrare, meglio che altrove, la bontà della dieta mediterranea: dall'olio al pomodoro, dalla pasta ai legumi, fra i quali spicca l'antico e generoso farro (il frumento dei latini), dagli ortaggi ai latticini, sino alle meravigliose dolcezze del miele.
Mani abili ed antiche tradizioni hanno contribuito a conservare intatto il gusto di straordinarie ricette come i cavatelli, la pezzata, i caciocavalli, le mozzarelle di BoJano e Vastogirardi, le taccozze con i fagioli, i torcinelli, la pizza e minestra, la polenta 'onta, tutti autentici tesori della cucina popolare italiana.

A Termoli in camper
La città di è dotata di una moderna area di sosta, inaugurata a giugno 2011, in grado di ospitare camper. La struttura è praticamente sul mare e fornisce vari servizi.
Per ulteriori informazioni sul punto sosta consultate il dbase di CamperLife.it -vai al Dbase-

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Coordinate: 
Latitudine: 14.990519000000 - Longitudine: 41.995796000000
Data Aggiornamento: 
16-07-2017
Data Pubblicazione: 
19-07-2011