Tu sei qui

L'Italia si svela: Roccapalumba, il paese delle stelle

Roccapalumba è una cittadina della provincia di Palermo. Dista dal capoluogo siciliano circa 60 chilometri e si trova sull'asse Palermo - Agrigento. E' fuori dalle rotte del turismo di massa o quantomeno dalle mete balnerari più note. Merita però una visita e una sosta, per vivere da vicino la realtà dei piccoli centri della grande isola siciliana.
Vi proponiamo una visita virtuale, che sarete poi liberi di trasformare in realtà.
Le informazioni turistiche sono state raccolte ed aggregate in collaborazione con l'Ufficio turistico del Comune di Roccapalumba.
Adagiata a ridosso dei monti Sicani, è circondata da dolci colline e la presenza di uliveti secolari, mandorleti, fichidindieti, rende più suggestivo il panorama conferendogli un aspetto seducente.

Il monte Xarria che sovrasta l’abitato, raggiunge nel punto più elevato quota 785 metri sul livello del mare ed è ricoperto in gran parte da vegetazione tipica della macchia mediterranea con la presenza d’incantevoli boschetti di roverella e castagni. Dalla sommità, nelle giornate particolarmente nitide, si scorge perfino l’Etna.
Il bosco demaniale, ospita l’area Pic-nic attrezzata di tavoli e barbecues mentre la fitta vegetazione di ferule, offre nel periodo primaverile ed autunnale, un’abbondante proliferazione di funghi commestibili quali l’agarico campester (prataiolo) e il delizioso pleurotus ostreatus (funciu di fella) e costituisce una tappa importante per gli appassionati micofili. Suggestivi dal punto di vista naturalistico, sono gli affioramenti di rocce calcaree risalenti al Miocene Inferiore dove nidificano diverse specie di rapaci. Questo territorio è stato antropizzato fin dal VI millennio a.C. e tuttora rimangono testimonianze anche di insediamenti successivi. Il clima è mite in inverno e temperato in estate. La cittadina è molto accogliente con i suoi spazi verdi e i murales che raccontano l’arrivo di Giuseppe Garibaldi.
Da visitare il mulino idraulico “Fiaccati”, posto sugli argini del fiume Torto ed inserito all’interno di un magnifico e incontaminato ambiente naturale, caratterizzato dalla presenza di spuntoni rocciosi e dalla macchia mediterranea.
Edificato nel 1882, a sostituzione di un altro più antico risalente al XVI secolo, ospita al suo interno due impianti per la molitura ancora funzionanti.
Le associazioni equestri locali propongono interessanti escursioni a cavallo, attraverso i sentieri e le trazzere, alla volta degli antichi casali e masserie del territorio, aziende agricole che vennero costruite durante il XIX ed il XX secolo dai notabili del luogo, proprietari di vasti latifondi Le loro peculiarità architettoniche si individuano nella presenza del “bagghiu” attorno a cui si distribuiscono le stalle, i magazzini, gli alloggi per i contadini, il palmento, su cui si affaccia anche l’abitazione del feudatario.
Roccapalumba, con l’appellativo di “Paese delle stelle”, è diventata ormai un punto di riferimento per molti astrofili e scienziati di fama internazionale.
L’insigne astrofisica triestina, Margherita Hack, ospite ormai abituale, ha ricevuto la cittadinanza onoraria per i suoi indubbi meriti scientifici e per il forte sentimento di affetto che la lega a Roccapalumba. 
L’identità della cittadina, quale luogo deputato allo studio dell’astronomia, è stata ancor più rafforzata con l’istituzione del Centro per gli Studi Astronomici roccapalumbese che ospita l’osservatorio astronomico, l’eliografo, l’elioplanetografo ed insieme al Planetario costituiscono il Parco astronomico.
Qui chiunque ha la possibilità di sperimentare personalmente l’approccio straordinario con le meraviglie dell’universo. 
Il centro ospita la biblioteca specialistica e la mediateca preposte allo studio ed alla divulgazione delle nuove scoperte.

La chiesa madre
Dedicata agli apostoli Pietro e Paolo, viene aperta al culto nel 1641 per volere di Donna Stefania Corsetto Ansalone principessa di Roccapalumba. Subisce nei secoli successivi ampliamenti e restauri.
Il prospetto è caratterizzato dalla presenza della massiccia torre campanaria coronata da un’elegante cupoletta.
L’interno, ad aula, conserva le linee e gli stilemi del primo settecento: le lesene su alti plinti, scandiscono le cappelle e reggono una doppia cornice che corre per tutte le pareti; in alto le finestre strombate e le lesene percorrono l’ampia volta a botte del soffitto.
L’altare maggiore in marmi policromi, è sovrastato da una grande pala che raffigura i Santi titolari al Concilio di Gerusalemme.
A destra e a sinistra gli artistici simulacri ottocenteschi di Santa Lucia e della Madonna delle grazie.
Degni di nota sono il seicentesco Crocifisso e il gruppo policromo di San Giuseppe col Bambino di scuola settecentesca. Due piccoli dipinti del ‘700 raffigurano la Madonna del Rosario con San Domenico e Santa Caterina da Siena, e la Madonna di Loreto con San Francesco.La sacrestia vecchia conserva l’archivio storico, la biblioteca, diversi paramenti sacri del ‘700 e dell’800 di cui alcuni di fattura francese, San Francesco di Paola del XVI secolo, un bambinello benedicente del XVIII secolo e la vergine Assunta della prima metà del XVII secolo.
Degno di nota è il settecentesco Stipo monetario e l’ostensorio in argento del 1725 doni del Principe Moncada. 
Spettacolare risulta, in occasione della Settimana Santa, l’ostensione della grande “Tila” che ripropone la deposizione di Cristo dalla croce. 

Eventi a Roccapalumba.
Il più conosciuto è sicuramente la Sagra del Fico d'India " “Opuntia ficus indica fest-Sagra del ficodindia”" che si tiene nel mese di ottobre di ogni anno (scarica il programma per il 2010) ma nella tradizione viene festeggiata anche la Settimana Santa e particolare attenzione viene posto all'Estate Roccapalumbense. 

Sosta in camper a Roccapalumba
La cittadina non è dotata di una vera e propria area di sosta attrezzata. In occasione degli eventi l'Amministrazione comunale organizza specifici spazi destinati ad ospitare le autocaravan. Nella zona Artigianale P.I.P. - in contrada Zaccanelli (vai alla mappa di google - GPS N 37.79504 E13.652887) grazie all'impegno degli operatori volontari della Protezione Civile - viene organizzata un'area in grado di ospitare ben 500 camper, illuminata e vigilata nelle 24h e collegata al centro storico con un servizio di navette che operano ad intervalli di 30 min. 
Negli altri periodi dell'anno a Roccapalumba potrete utilizzare per la sosta gli spazi in Largo Roma (visualizza la mappa) , su cui possono trovare agevolmente posto sino a 20/25 camper. Ovviamente è un parcheggio quindi è sprovvisto di Camper Service.
Qui sotto alcune foto della cittadina siciliana

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
3.2

Average: 3.2 (5 votes)

Coordinate: 
Latitudine: 13.639262000000 - Longitudine: 37.805715000000
Data Aggiornamento: 
11-07-2015
Data Pubblicazione: 
12-10-2010