Tu sei qui

L'Italia si svela: Calatafimi Segesta

Una tappa in un luogo conosciuto attraverso i libri di scuola ma spesso dimenticato. E' Calatafimi Segesta, nel trapanese.

Ci spostiamo all'interno della Sicilia occidentale in quella che viene comunemente denominata Val di Mazara, a 320m sul livello del mare.

Andiamo a visitare Calatafimi Segesta, cittadina di garibaldina memoria, testimone di uno tra gli scontri più sanguinosi tra le truppe borboniche e i Mille.
Oggi conta poco più di 7 mila abitanti e dista da Palermo circa 80 km e circa 40 dal capoluogo Trapani. 
Per primo scorgiamo il castello.
Piccolo e lontano, lo intravediamo percorrendo la Statale 113, in direzione di Calatafimi Segesta, poco dopo aver lasciata l’autostrada Palermo-Trapani.
Si erge così sul colle che cresce sopra la valle esuberante di verdi fragranze, scuro e isolato. Capiamo subito perché l’abbiano fatto su quel materno mammellone che serba ancora il nome dell’antico signore (colle Eufemio).
Intorno al IX secolo la cittadina s'è sviluppata intorno al Castello Eufemio. Di questo si possono ancora apprezzare i ruderi ed è un bellissimo esempio di architettura normanna sveva. Numerose sono le chiese esistenti tra le quali quella del Santissimo Crocifisso, la chiesa del Carmine, della Madonna del Giubino, di San Michele, di San Giuliano, della Madonna del Soccorso, e la chiesa della Santissima Trinità. 
Le chiese conservano al loro interno numerose opere scultoree - comprese quelle marmoree realizzate dalla scuola di Antonello Caginie - e pittoriche, tutte di notevole fattura.
Di particolare pregio e considerata una delle chiese più belle della sicilia, in stile tardo barocco, è quella dedicata al SS.Crocifisso, patrono della città. I fregi dorati e le sculture sono abilmente distribuite su un fondo bianco. Nell’altare centrale trova posto il crocifisso nero, che viene portato in processione il 3 di maggio di ogni anno. Ed è proprio questa la festa religiosa più sentita in città: la Festa del SS. Crocifisso.
Si celebra in onore al SS. Crocifisso, patrono della città, e si svolge periodicamente ogni 5/7 anni nei giorni dal 1 al 3 maggio. La popolazione, divisa in ceti, sfila in processione elargendo confetti, fiori e cucciddati (pane tipico).
Il centro storico è costituito da una serie di vicoli, cortili e scalinate che proiettano il visitatore in un tempo ormai passato, fuori dalla modernità della città contemporanea.
Un'attrattiva originale presente a Calatafimi è costituita dall' itinerario dei vicoli, nato per sponsorizzare e salvaguardare la storia e la tradizione dell'antico borgo.  
Un itinerario particolarmente suggestivo, nato dall'esigenza di individuare e mettere in sicurezza le aree abbandonate a seguito al terremoto del 1968. Di necessità virtù, quindi, dato che al termine dei lavori di recupero gli Amministratori si sono resi conto di aver ridato vita ad un pezzo di storia della città. Questa consapevolezza è stato l'input determinante per la creazione di una serie di percorsi che si snodano nel cuore del centro storico e che fa rivivere al turista atmosfere d'altri tempi.
Oggi percorrendo gli itinerari si possono riscoprire oltre venti angoli caratteristici della città.
Da visitare a Calatafimi Segesta
Monumento ossario di Pianto romano. Il monumento fu realizzato da Ernesto Basile nel 1892 in occasione del 32° anniversario della gloriosa battaglia di camper segesta calatafimi Monumento ossario di Pianto romanoCalatafimi, tra le truppe garibaldine e l’esercito Borbonico.
All’interno del sito è possibile percorrere il viale della rimembranza impreziosito da alti cipressi e ceppi marmorei che ricordano le città protagoniste dell’epopea garibaldina.
Parco archeologico di Segesta A circa 5 km da Calatafimi si trova il parco archeologico di Segesta, antica città fondata dagli Elimi.
L' antica città sorge sul monte Barbaro, la data della fondazione non è conosciuta, benchè dalla documentazione esistente vi è certezza che la città era già abitata nel IV secolo a.C.
Lo storico greco Tucidide narra che i profughi troiani, poi chiamati Elimi, attraversato il Mediterraneo, giunsero fino in Sicilia e fondarono Segesta, chiamata Aegesta, ed Erice.camper segesta calatafimi Parco archeologico di Segesta
Secondo il mito Segesta è stata fondata da Aceste, che ne fu anche il primo re, figlio della nobile troiana Egesta e del dio fluviale Crimiso.
Oggi questo è uno dei parchi archeologici più interessanti ed importanti della Sicilia. Dell'intera area segestana si evidenziano per importanza archeologica i ruderi del Tempio in stile dorico e il teatro antico, in parte scavato nella roccia, il quale ospita nei mesi estivi importanti spettacoli.
La Sughereta di Angimbè
E' uno degli ecosistemi meglio conservati della Sicilia occidentale.
La vegetazione è costituita prevalentemente da piante sempre verdi, in cui predominano le querce e la macchia mediterranea, nel bosco vivono diversi rapaci e mammiferi selvatici.
Feste ed eventi
- 19 marzo: processione e altare di S. Giuseppe
- 3 maggio: processione del SS. Crocifisso patrono della città
- 15 maggio: commemorazione ai caduti garibaldini della battaglia del 15 maggio 1860
- Corpus Domini: processione e tradizionale tappeto artistico
- Luglio - Agosto: rassegna teatrale “Calatafimi Segesta Festival”
- Luglio - Agosto: manifestazioni estate calatafimese
- Settembre: festa della Madonna Bambina, giochi tradizionali
- 8 dicembre: processione notturna e diurna dell’ Immacolata
Sostare in camper a Calatafimi Segesta
L’amministrazione comunale di Calatafimi Segesta fra le iniziative per incentivare i flussi turistici del territorio mette a disposizione dei camperisti un'area di sosta attrezzata e gratuita. L’iniziativa ha trovato il consenso dei visitatori organizzati che hanno avuto l’ulteriore possibilità di ammirare il territorio con l’ausilio di accompagnatori del luogo, esplorando i percorsi della spedizione garibaldina. Inoltre dal 14 maggio sarà possibile rivisitare la Casa Garibaldi, monumento storico, adeguato a museo risorgimentale, ristrutturato dopo diversi anni in occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia.
L’area di sosta per i camper si trova nel Largo Brignoli, nelle vicinanze della via A. De Gasperi.
GPS N37.917101 E12.867168 - I dettagli sul dbase online di CamperLife.it

Info e contatti:
sito web del Comune di Calatafimi
Infopoint Segesta 3490659125
Associazione Breathesicily www.breathesicily.com ; info@breathesicily.com

 

 

Autore: 
Redazione Camperlife
Punteggio: 
2

Average: 2 (1 vote)

Coordinate: 
Latitudine: 12.861078000000 - Longitudine: 37.914714000000
Data Aggiornamento: 
25-08-2015
Data Pubblicazione: 
11-05-2011