Tu sei qui

Itinerario in camper: Abruzzo, a spasso tra borghi, sentieri e boschi

Vi accompagnamo in Abruzzo a scoprire bellezze di cui sconoscete l'esistenza

Itinerario naturalistico in camper, alla scoperta degli antichi borghi di Opi, Civitella Alfedena e Barrea tra laghi, vallate e aree faunistiche dove poter avvistare i lupi.
abruzzo natura camper Girovagare in camper per l’Abruzzo, tra i mille volti e colori che caratterizzano il territorio abruzzese, costellato da borghi e castelli, immersi in una natura rigogliosa, ricca di sorgenti, grotte e vallate, è sicuramente un itinerario di primavera da prendere in considerazione.

In Abruzzo le stagioni, come dei maestri pittori, dipingono il paesaggio, tingendolo di rosso e arancione in autunno, di bianco ovattato d’inverno e attingendo da tutta la tavolozza di colori in primavera e in estate.
L’itinerario naturalistico proposto si snoda tra paesi arroccati e solitari, laghi, foreste e ambienti naturali, per riscoprire il contatto con la natura, aspra e dolce allo stesso tempo.

Itinerario in camper: a Opi, lungo il tratturo
Percorrendo a bordo del nostro camper l’autostrada A24 e A25 fino al casello di Pescina e attraversando il Passo del Diavolo, si giunge alla prima tappa: Opi, incantevole borgo situato a 1250m di altezza, adagiato su un colle, che domina la Val di Sangro. Da qui partono sentieri e percorsi che permettono di godere degli angoli più suggestivi del Parco Nazionale d'Abruzzo, offrendo vedute di ampio respiro che spaziano sul Monte Marsicano e sulle montagne circostanti.

abruzzo camper opi sosta areaLa passeggiata nel centro storico tocca il Museo dello sci e della montagna, all’interno del quale è allestita una mostra permanente che raccoglie attrezzi, sci e foto d’epoca. Un altro sito interessante è il Museo del camoscio, situato nella parte più antica del borgo. Si tratta di un importante centro di visita gestito dall’Ente Parco nazionale, in cui si trova il Centro Scoperta, riservato ai più piccoli. 

  Sosta Camper
Camping Il Vecchio Mulino - Tel. 0863/912232
Camping Le Foci -
Tel. 0863/912233
Attraverso i giochi e l’utilizzo dei sensi i bambini scoprono le meraviglie della natura, aiutati dai laboratori didattici che permettono di osservare le corna dei cervi e dei caprioli, le piume del Gufo Reale, il pelo del Lupo appenninico e dell'Orso Bruno. I numerosi pannelli, collocati negli spazi espositivi, completano l’allestimento museale e spiegano il comportamento del camoscio, le sue abitudini e il suo rapporto con l’uomo.
L’ingresso al Museo
abruzzo camper opi sosta areaè gratuito ed è possibile visitarlo ogni giorni (compreso i festivi) da aprile a settembre. Orario: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00. Per maggiori informazioni consultare il sito internet: www.opionline.it.  Dal Museo del Camoscio parte un percorso di sei chilometri che conduce al Centro visita di Pescasseroli e che ripercorre un tratto del Regio tratturo. I tratturi sono sentieri erbosi che collegavano l'Abruzzo montano con la Puglia e furono utilizzati, a partire dal 1200, dai pastori per compiere la transumanza, che consisteva nel trasferire le greggi da un pascolo all'altro. Camminare lungo questi tracciati è un’esperienza unica, immaginare le distese d'erba coperte da pecore e attraversate da carovane trainate da muli carichi di mercanzia, è come fare un viaggio nel passato, nelle tradizioni e nella cultura degli abruzzesi, la cui vita è da sempre legata alla pastorizia.

Itinerario in camper: Civitella Alfedena, il borgo più piccolo della Val di Sangro
Percorrendo la SP16, proseguendo sulla strada statale Marsicana e imboccando la SP59 si arriva a Civitella Alfedena, il paesino più piccolo della vallata, conta circa 300 abitanti, racchiuso e quasi “avvolto” dalla Camosciara, riserva integrale del parco. Passeggiando nel labirinto di vicoli, in salita e in discesa, che formano il centro storico, si respira un senso di tranquillità e solitudine e si resta affascinati dalle armoniose forme degli edifici, dalle antiche case in pietra e dalle strette viuzze, legate le une alle altre come in un abbraccio.
Nel borgo, che conserva ancora l’aspetto medioevale, è possibile visitare il Santuario di
abruzzo camper civitella alfedena sosta areaS.Lucia, importante meta di pellegrinaggio, intorno al quale si apre una splendida veduta sul lago di Barrea. La chiesa presenta una pianta a croce greca e la sua fondazione è legata alla storia religiosa dei cristiani di origine siriana, che vi giunsero dal lontano Libano.
Oltre al santuario, a Civitella sorge il Museo e l’Area Faunistica del Lupo appenninico, dove un percorso a pannelli illustra la vita del lupo e la storia del suo rapporto con l’uomo. Dal Museo parte un sentiero che conduce all’area faunistica del Lupo e della Lince, dove, prestando un pò di attenzione, sarà possibile scorgere alcuni esemplari di questo magnifico predatore. È consigliabile dedicare le ore del tramonto all’osservazione, sostando lungo il muricciolo che recinta l’area: solitamente dopo il pasto i lupi salgono sopra la collina che domina la riserva.
Per info: Museo del lupo Appenninico via Santa Lucia Tel 0864 890141 e.mail

  Sosta Camper
Area Comunale a 2 km dal centro - Tel.0864890444
Parcheggio attrezzato, non è possibile la sosta notturna
Dal borgo parte anche un suggestivo itinerario naturalistico, il cui nome evoca il profumo della Primavera: il sentiero della Val di Rose, che si snoda attraverso la stupenda faggeta e poi penetra nel bosco. Al Faggio si mescolano l'Acero, il Pioppo, il Pino nero e il Salice. Nei boschi, con l’arrivo primavera, fiorisce la “Rosa canina”, l'orchidea Scarpetta abruzzo camper civitella alfedena sosta area barrea di Venere e l’elegante “Giglio Martagone”.
Passeggiando lungo il sentiero si potranno facilmente avvistare i camosci, avvezzi alla presenza umana. Civitella ha inoltre gelosame
nte conservato le sue tradizioni, alcune di origini pagane, come l’antico rituale: A te Pumba Me, che si ripete ogni anno l’ultimo giorno di febbraio. La tradizione vuole che i giovani, muniti di corni e campanacci, percorrano le strade del paese e pronuncino ad alta voce strofe dedicate alla Dea Pomona, divinità italica della campagna, con questo rituale si scaccia l’inverno e si festeggia l’arrivo della primavera.
La visita al paese può concludersi con una sosta golosa, gustando cibi genuini preparati secondo le antiche tradizioni, come le zuppe locali e i dolci di mandorle.
Info turistiche: Punto Informativo Tratturo e Transumanza, via Nazionale - sito web
Itinerario in camper: Barrea, finestra naturale sul Parco nazionale d’Abruzzo
Ai piedi di Civitella, attraversando la pineta, si giunge al Lago di Barrea, di origine artificiale costruito nel 1951, su cui si affaccia l’omonimo borgo, un tempo abitato dai Sanniti. Il nome rimanda al latino “Vallis Regia”, Valle del Re, ed è proprio un panorama “reale” quello che si gode da Barrea: da un lato l’azzurro del lago, dall’altro il  verde intenso delle montagne.

  Sosta Camper
Parcheggio sul belvedere
Una finestra naturale sul parco nazionale, che una volta “aperta” svela un mondo affascinante, in cui regna sovrana la natura, tra vallate incontaminate e borghi arroccati, in un’alternanza di tetti e campanili. La cittadina offre non solo belle vedute panoramiche e scorci suggestivi ma anche possibilità di passeggiate culturali alla scoperta dell’impianto medioevale del centro antico, che è rimasto immutato con il passare del tempo e presenta una cinta difensiva formata da case-mura, addossate l'una all'altra e prive di aperture verso l'esterno. Tale struttura, nasceva a scopo difensivo, per proteggere il paese dalle incursioni dei saraceni, molto frequenti alla fine del primo Millennio.
abruzzo camper civitella alfedena sosta area barreaDomina il borgo fortificato il castello dei Di Sangro, risalente al XII °sec, di cui restano le due torri, una quadrata e l'altra circolare.
Interessante è la Chiesa di San Tommaso Apostolo edificata nel XIII° secolo, più volte danneggiata e rimaneggiata nel corso dei secoli, presenta una pianta a tre navate e un interno decorato con dorature, stucchi e marmi policromi, segni distintivi dello stile barocco. Meritano infine una visita i ruderi dello “Studio”, convento fortezza costruito nell’anno Mille dai monaci benedettini per scopi difensivi, dopo la distruzione del monastero di S. Michele Arcangelo da parte dei saraceni. Da Barrea parte il sentiero natura, che conduce al centro rapaci. Ilpercorso attraversa il colle che domina il borgo, lungo il quale sono collocati pannelli informativi sulla vita, il comportamento, l'alimentazione, la storia e la biologia dei rapaci del Parco. Al di sopra delle Gole di Barrea, si trova il centro rapaci, dove ci si potrà dedicare al birdwatching, osservando l’aquila reale, l'Astore, il Germano reale e il Corvo imperiale.
Dopo la passeggiata ci si può concedere una sosta per deliziare il palato, degustando le specialità gastronomiche del posto: maccheroni alla chitarra, formaggi ricavati dal latte di mucca e di pecora, minestra della sposa, pizza dei pastori, zuppe con i fagioli o con gli gnocchetti, spinaci selvatici e pecora “au cotturo”. Si tratta di una cucina semplice e povera, i cui ingredienti derivano dalle attività legate alla vita pastorale.
Per informazioni turistiche: Pro Loco Barrea via Roma Tel. 0864 88227 - e.mail -
Orario di apertura dalle 9:00 alle 13:00; dalle 16:00 alle 20:00
Con Barrea si conclude l’itinerario in Abruzzo, ideale per chi desidera far sgranchire le ruote al proprio camper, ritemprare lo spirito e ritrovare un contatto profondo con la natura. Visitando questi luoghi il camperista scopre una terra ricca di luce e di acqua, dove lo sguardo si perde nell’immensità dei paesaggi, nel saliscendi di vallate, colline e montagne in cui l’unico rumore è il silenzio, rotto solo dal soffio del vento e dai suoni della natura.

Altri itinerari sull'Abruzzo, le sue montagne, i suoi laghi che potrete trovare negli archivi di CamperLife.it
Il Gran Sasso d'Italia
Il Parco Nazionale d'Abruzzo e i due laghi
Week End in Abruzzo

 

Le foto che illustrano l’articolo di Lucrezia Fraio sono di Alessandro Santulli


 


Autore: 
Redazione Camperlife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Coordinate: 
Latitudine: 13.992105000000 - Longitudine: 41.755562000000
Data Aggiornamento: 
21-01-2015
Data Pubblicazione: 
26-04-2012