Tu sei qui

Itinerari della Sardegna: Bosa marina e le sue colline

Oggi è una bellissima giornata e al posto della solita passeggiata lungo mare dalla torre dell’Isola Rossa - foce del Temo sino alla spiaggia di Turas , ho provato ad incamminarmi su per una strada di campagna che inizia quasi di fronte al barettino che è sulla spiaggia di Turas. La spiaggia di Turas
Questa stradina è nata quando hanno costruito un deposito per l’acqua in cima alla collina che sovrasta Bosa Marina.
Dopo essere passati sotto il ponte della ferrovia del trenino verde, la sterrata comincia a salire seguendo la costa e dopo un centinaio di metri con un tornante si dirige verso la valle di Modolo.
Tengo a precisare che questo percorso si può definire “per tutta la famiglia” a parte due o tre punti con una salita abbastanza ripida, ha anche dei tratti pianeggianti quando si arriva in cima e sarebbe possibile anche percorrerlo con una auto abbastanza alta . Ma perché percorrere in auto un percorso così piacevole con i mille profumi e la miriade di fiori (compresa l’orchidea selvatica) che la campagna ci regala in questo periodo? e sullo sfondo il grande promontorio di Capo Marrargiu
Arrivati quasi in cima si comincia a spaziare dalla valle di Modolo sino al mare, ancora un tornante e ci dirigiamo verso il deposito dell’acqua e il litorale di Bosa Marina e come potete ammirare dalle fotografie il panorama è veramente incantevole, riusciamo a vedere oltre il promontorio di Turas la torre Aragonese di Porto Alabe, La torre aragonesesubito dietro l’arcipelago di isole con Corona Niedda e ancora più in la sullo sfondo in lontananza l’isola di Mal di Ventre dopo il promontorio di Su Pallosu. Mentre, sull’altro lato la grande spiaggia di Bosa Marina, la torre dell’Isola Rossa collegata alla terra ferma dalla diga frangiflutti.
La Torre Aragonese dell’Isola Rossa fu edificata precedentemente al 1572.
Considerata una delle più grandi in Sardegna, era utilizzata per la difesa pesante ed era presidiata da una arcade, un artigliere e sei soldati.
All’interno si possono ammirare il grande camino e i numerosi elementi decorativi catalano aragonesi in trachite rossa e la volta a cupola con grandi nervature e pilastro centrale. Il Castello di SerravalleDalla terrazza, oltre alla meravigliosa vista, sono visibili le torri di columbargia e argentina. Nel periodo estivo la torre ospita le mostre degli artisti contemporanei.

Proseguendo, la strada comincia a scendere aggirando la collina e si porta sull’altro lato ed anche qui possiamo solo rimanere nuovamente incantati dallo spettacolo che ci troviamo di fronte… la valle del Temo dalla foce a risalire sino al Castello di Bosa con la città ai suoi piedi.
La strada sterrata termina sulla Via Nazionale (strada provinciale Bosa - Bosa Marina) vicino al bivio per S’istagnone, dove però esiste un cancello che non sempre è aperto.
E’ buffo come a volte uno vada a cercare dei percorsi per poter fare delle passeggiate percorrendo chilometri e… non il ponte sul Temovede quello che ha a portata di mano di fronte a casa. 
Bosa, posizionata sulla costa occidentale della Sardegna, direttamente sul fiume Temo, rappresenta un esempio di classico borgo di tipo medioevale.
Dominato dal castello dei Malaspina, intorno al quale si stringono le case del borgo, il paese è situato a fondo valle e si spinge fino alla foce del fiume, dove è situato il porticciolo di Bosa Marina.La grande spiaggia di Bosa Marina offre uno spettacolo particolarmente affascinante se la si osserva dalla maestosa torre che domina il paesaggio e che si trova in cima ad una collinetta posta alla foce del fiume Temo.

Come arrivare a Bosa
Arrivando in aeroporto ad Alghero è sufficiente seguire le indicazioni per Bosa, raggiungibile attraverso una strada molto panoramica di circa 40 km con parecchie curve. Dalle stazioni marittime di Porto Torres o da Cagliari ed Olbia percorrere la SS.131 sino al bivio Macomer/Bosa, quindi prendere la SS.129bis fino a Bosa.
Punti di sosta a Bosa

  • Bosa città: parcheggio di piazza Nassirya, in via Nazionale. Dirigendo verso Bosa Marina girate a destra all’altezza del ristorante Al gambero rosso e proseguite sino a trovare il parcheggio. Da li un comodo ponte pedonale che attraversa il Temo vi porta direttamente nella piazza principale e al centro storico
  • Qualche camper ha parcheggiato per Pasqua lungo Temo. Arrivando a Bosa prima di attraversare il Ponte Vecchio si gira a sx dove troviamo dei parcheggi…. Fuori stagione magari i vigili chiudono un’occhio!?
  • Bosa Marina: circa a metà golfo dove finisce la spiaggia grande e cominciano degli scogli, esiste un grande parcheggio sterrato. C'è il cartello vietato campeggiare, i vigili chiudono un’occhio se il comportamento è corretto, ricordate “sosta” non campeggio!
  • Uscendo da Bosa: strada litoranea per Alghero dopo circa 4/5 Km troviamo un cancello sulla sinistra.
  • spiagge S’abba Drucche: area sosta bar ristorante musica un po' alta alla sera, ma spiagge bellissime.
  • Proseguendo ancora per Alghero dopo un paio di km troviamo sempre a sinistra un cancello con indicazione Tentizzos. Anche qui area sosta carico e scarico bar ristorante. Bel posto dietro Torre Argentina con scogli e tante calettine.
  • Dietro la spiaggia di Turas, verso la valle di Modolo c’e un piccolo camping attrezzato con ombra e servizi.

Per altre informazioni sulle possibilità di sosta consultate il dbase di camperlife.it
Bosa ha degli ottimi ristoranti dove capitate….. capitate bene….
Devo anche segnalare un piccolo ristorantino in centro a Modolo, molto particolare solo pesce… di qualità.

Il sito ufficiale di Bosa: www.bosaonline.com ricco di immagini e indicazioni

 

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
15-01-2016
Data Pubblicazione: 
11-02-2010