Tu sei qui

Girovagando per il Salento in camper

Viaggiamo in camper nel Salento

Il Salento costituisce quel lembo di terra che forma il tacco dello stivale. Inserita tra due splendidi mari: lo Ionio (a Ovest) e l'Adriatico (a Est) con più di 250 Km di costa a volte bassa e sabbiosa, a volte alta e frastagliata. Il Salento, terra di conquista, terra che conquista, landa ospitale, preludio d’Oriente e sintesi di religioni di pelli, di dialetti e di diversità, è sempre più metafora di una felice adesione della storia e della natura alle esigenze e ai desideri del viaggiatore, sia che si tratti del pellegrino in cerca di spazi sacri e vitali, o del viandante orfano di intatte armonie, o del viaggiatore avido di sorprese e di novità, o del turista che ama la risacca sulla spiaggia e i tramonti dorati sul mare.
Il Salento fu terra di conquista nella parte orientale con il passaggio di greci,romani, bizantini,pirati barbareschi, con il conseguente apporto di tanti influssi culturali nelle diverse epoche. Il Salento geografico corrisponde alla vecchia Terra d'Otranto e perciò comprende tutta la provincia di Lecce, con 97 paesi e 39 piccole frazioni immerse nel verde degli uliveti secolari, del tabacco e delle vigne, con le case bianche e le strade strette e tortuose, ognuno con un proprio dialetto e in alcuni paesi si parla ancora il greco, quasi tutta quella di Brindisi e parte di quella di Taranto, secondo l'asse che congiunge Ostuni a Taranto.

Proteso per più di 150 Km tra i due mari che ne hanno modellato morfologia e storia, il Salento ha uno sviluppo costiero altamente suggestivo e incantevole, che alterna selvaggi dirupi che sprofondano nel mare a lidi sabbiosi, in una progressiva e inebriante successione di torri costiere, grotte marine, caverne, baie, scogliere, isolotti, falesie, spiagge, arenili, bacini naturali, e zone umide che non hanno paragoni nel Mediterraneo. Chi volesse realizzare il circuito dei due mari, lungo poco più di 200 km, dovrebbe partire da Casalabate, (Squinzano), e lasciarsi condurre dalla costa bassa e sabbiosa verso sud, attraverso Torre Rinalda, Torre Chianca e Frigole, fino a San Cataldo, con i resti della Messapica Lupiae e del porto romano di Adriano, e poi proseguire lungo la panoramica Statale 611 fino alle Cesine una delle più suggestive e interessanti zone umide d'Europa, protetta da una specifica Convenzione Internazionale e Oasi del WWF. Da qui direzione Otranto, superando i centri balneari di Torre Specchia Ruggeri, San Foca, Roca Vecchia, Torre dell'Orso e Sant'Andrea (tutte caratterizzate dalla presenza di stupende spiagge di sabbia che si alternano a scogliera più o meno bassa), si incontrano località ancora intatte e incontaminate. Note operative
La sosta libera è normalmente ben accettata ma in periodi di alta stagione è forse più agevole servirsi delle numerose strutture presenti nella regione salentina
San Cataldo Agriturismo Fontanelle www.agriturismofontanelle.it
Oasi WWF Le Cesine Aperta tutto l’anno, vistabile tutti i giorni su prenotazione contattando la cooperativa Thalassia, tel. 0831 989885
camper salento laghi aliminiI Laghi Alimini, nei pressi di Otranto, sono 2 specchi d'acqua variamente salmastri con risorgive dolci, caratterizzati da vegetazione palustre e da fitti canneti che ospitano rarissime specie vegetali, come la carnivora erba vescica, le orchidee di palude e l'erica salentina. Oasi di protezione faunistica, i laghi sono meta di folaghe e di aironi cinerini.
Otranto è tra le più emozionanti località di mare dell'intera provincia. Basterebbero per eleggerla tappa privilegiata del turista, in ogni stagione dell'anno, la sua storia portentosa, martoriata dall'ira memorabile dei saraceni che si lasciarono dietro un deserto di lacrime e sangue, e le perle della sua architettura civile, militare e religiosa. Dalla Punta Palascia, l'estremità più orientale d'Italia, nelle giornate terse è possibile scorgere, al di là dello Stretto, le montagne e le coste dell'Albania. 
Note operative
Otranto Camping Mulino d’Acqua, Via Santo Stefano, www.mulinodacqua.it
Camping Frassanito, offre servizio camper stop con tariffe forfetarie per soste brevi, tel. 0836 803005
Agriturismo La Tenuta di Torre Pinta
Area Camper Solara, www.hotelsolara.it, tutti servizi
Area Attrezzata Oasy Park , tel. 0836 802226, tutti i servizi
Punto sosta comunale in zona porto, di fronte al campeggio, a pagamento camper salento grotta azzurraProseguendo, la litoranea che si dipana verso Castro Marina, è uno degli itinerari turistici più allettanti della regione, con dislivelli che superano a volte gli 80 metri a picco sul mare, e il suo percorso a serpentina, sembra progettato dalla natura per tenere desto l'interesse del viaggiatore alla ricerca di nuove sensazioni. Da visitare, a Castro Marina, la Torre del Serpe, per poi raggiungere Porto Badisco, fiordo in miniatura e santuario della preistoria. e la sulfurea Santa Cesarea Terme, rinomata per le sorgenti idroterapiche.
A circa 2 km da Castro in direzione Nord - Est è ubicata la Grotta Romanelli a quasi 8 metri sul livello del mare costituisce uno dei giacimenti preistorici più rilevanti sul piano nazionale. Nelle vicinanze anche la Grotta Zinzulusa certamente la più affascinante tra le grotte del Salento perché al suo interno sono osservabili numerose formazioni stalattitiche e stalagmitiche.
Si giunge così a Castro e dall'alto della città vecchia è visibile una delle insenature più affascinanti della regione, splendida al punto da meritarsi la Bandiera Blu della Comunità Europea per la purezza del mare. Mare altrettanto cristallino e attrezzato sulla costa di Andrano, famosa per la sua Grotta Verde dalle baluginanti stalattiti, altra Bandiera Blu europea, fino al litorale di Tricase, con il suo porto e il suggestivo, pescosissimo Canale del Rio, parallelo a Marina Serra, dove i capricci dei giganti hanno creato fantastici precipizi della costa in mare. Scenari di natura ardita e primitiva si susseguono fino alla greca bianchissima Santa Maria di Leuca, "estremo del mondo", suggestiva per storia e per leggende. Doppiata Punta Ristola, il paesaggio cambia sensibilmente. Alla costa alta e selvaggia subentrano scogliere più basse e distese di sabbia, terre rosse e vigne, interrotte da torri cinquecentesche e da spiagge attrezzate e fortemente antropizzate. Di particolare interesse, per i naturalisti, in questo tratto di costa, i bacini di Ugento, che rappresentano un'altra straordinaria riserva naturale, zona umida caratterizzata dall'habitat palustre di giunchi e canne e dal transito di splendidi uccelli come i cigni reali. 
Note operative
Santa Maria di Leuca Area Attrezzata La Cornula, acqua, pozzetto, illuminazione, servizi igienici con docce, www.lacornula.it
Punto sosta presso il Camping Village Santa Maria di Leuca, servizio camper stop, www.campingsmleuca.com
Marina di Ugento Camping Riva di Ugento, www.rivadiugento.it
 camper puglia salento gallipoli baia verdePajare e muretti a secco punteggiano la costa finché lo Ionio non svela in tutto il suo splendore Gallipoli, la città "bella" ("Kalè polis" in greco), apparentemente un'isola sul mare, con le cupole abbaglianti delle sue chiese, merita una sosta prolungata.
Risalendo verso nord, Lido Conchiglie, una distesa di dune, la spettacolare Montagna Spaccata, ed è subito la riviera di Nardò: Santa Maria al Bagno, già famosa per le sue terme e Santa Caterina. Notevole in questa zona il Parco Naturalistico di Porto Selvaggio, con la Palude del Capitano, la “Grotta del Cavallo” e la “Grotta di Uluzzo” (in entrambe sono stati rinvenuti depositi e manufatti paleolitici e resti di grandi mammiferi), mentre invitanti e trasparenti sono le acque della Baia di Uluzzo. 
Note operative
Gallipoli Camping Baia di Gallipoli, www.baiadigallipoli.com
Parcheggio Campo delle Bandiere, Loc. Padula Bianca, www.campodellebandiere.it
Area Attrezzata Nazaro, tel. 328 9518671
Area Attrezzata Iride Parking, Località Padula Bianca, tel. 0833 282001
Santa Maria al Bagno Area Camper Mondonuovo, con servizi a 500 mt dal mare, tel. 328 9199241
Risalendo ancora la costa segue un andamento nodoso, intercalata da calette e piccole insenature con acque purissime fino a giungere a Porto Cesareo, notevole centro turistico con lunghe distese di sabbia guardate a vista da un arcipelago di isolotti, il più noto dei quali l'Isola dei Conigli.
Note operative
Porto Cesareo Camping Torre Castiglione, Loc. Torre Lapillo, www.torrecastiglione.it
Area Attrezzata Il Saraceno, acqua, pozzetto, elettricità, tel. 349 8837828
Punto sosta Parcheggio Belvedere, 50 m dalla spiaggia, acqua e illuminazione, tel. 368 7563166
Meritano un cenno a parte, per gli amanti, le costruzioni megalitiche nel Salento e i reperti dell’uomo di Neanderthal.camper salento dolmen Nel Salento si trovano un centinaio di Menhir, i più belli del mondo: ZOLLINO: la città della storia, e GIURDIGNANO: il giardino megalitico d’EUROPA, alcuni esempi. Il Menhir più alto d’Italia è il San Totaro (metri 5,20) a MARTANO.I Dolmen erano utilizzati come sepolture multiple di inumati in posizione fetale. I Dolmen salentini sono databili a partire dal VI-V millennio. Notevoli presenze dolmeniche a MAGLIE, MELENDUGNO, MINERVINO, GIURDIGNANO, GIUGGIANELLO. Le specchie neolitiche erette sulle alture delle Serre Salentine, accumulando pietre di grandezza omogenea, costituivano invece i luoghi di avvistamento diurno e notturno del sapiens-sapiens cacciatore. Attualmente sono in buono stato di conservazione circa quaranta specchie; le più belle nei centri salentini di ZOLLINO, MARTANO, RUFFANO, TAURISANO e PRESICCE.
Numerosi reperti neanderthaliani sono stati trovati nelle seguenti località: GROTTA DI CAPEL VENERE (Nardò), GROTTA DEL CAVALLO (Nardò), GROTTA DELLE TRE PORTE (Leuca), CATTIE (Maglie), ULUZZO (Nardò), GROTTA DEL BAMBINO (Leuca), GROTTA DELLE MERAVIGLIE (Lecce).

Leggete anche il resoconto di viaggio sulla penisola salentina scritto da un nostro lettore (vai alla pagina)

 

 

 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
12-03-2018
Data Pubblicazione: 
19-05-2008