Tu sei qui

Expo in camper: pedalando nella Bassa (LO)

Il territorio del lodigiano è perfetto per un’escursione in bicicletta. Sono, infatti, più di 250 i chilometri “pedalabili” che, in un’area pressochè pianeggiante, permettono di praticare un vero turismo lento, gustando appieno un patrimonio paesaggistico, artistico, enogastronomico e naturalistico sorprendente

Corsi d’acqua, zone golenali ricche di flora e fauna, sono intervallati da musei e da architetture storiche e religiose che spesso “scappano” alla visita del turista “veloce”. Sono cinque gli itinerari ciclabili principali tra cui scegliere: la Dorsale dell’Adda, che segue il fiume, da nord sino al Po, l'Anello del Lambro, nella zona ovest del territorio, l'Anello Periurbano di Lodi, lungo le alzaie del Canale Muzza e del Canale Belgiardino, il Medio lodigiano, che mette in collegamento fra loro i percorsi principali, e la Golena di Po, un anello nel territorio del basso lodigiano. Noi abbiamo percorso per circa una quarantina di chilometri parte della Dorsale dell’Adda, con partenza da Lodi e arrivo a Castelnuovo Bocca d'Adda. Interamente all’interno del lodigiano, l’itinerario si snoda nella valle fluviale dell'Adda con i suoi boschi e nella campagna, interrotta da filari d’alberi, da antichi cascinali e dalle testimonianze architettoniche dei borghi rurali. È un pedalare piacevole, senza troppo fatica, che induce a respirare a pieni polmoni, scrutando l’ambiente circostante e cercando di intercettare aironi e altra fauna fluviale. Al rientro a Lodi, non ci resta che ristorarci in qualche bar di piazza Vittoria, seduti nei tavolini all’aperto, lustrandoci gli occhi con la vista della cattedrale della Vergine Assunta e degli edifici color pastello circostanti.
Cosa assaggiare
La cucina del lodigiano è di tipo casalingo, genuina, semplice e gustosa. Utilizza i prodotti tipici della zona, i formaggi, il riso e gli insaccati di maiale e rispecchia la vocazione agricola del territorio. Tra ottobre e novembre di ogni anno si svolge la Rassegna Gastronomica, un appuntamento gourmet tradizionale in cui i ristoranti della zona propongono menu basati sulla cucina del luogo, spesso rivisitata in chiave moderna. Un piatto tipico invernale, che non può assolutamente mancare sulle tavole dei lodigiani il 19 gennaio, in occasione della festa patronale di San Bassiano, è la Büšèca, la trippa cucinata alla lombarda con pancetta, verdure, fagioli, burro e brodo di carne.

Informazioni utili
Itinerari ciclabili: www.bicilodi.movimentolento.it
I.A.T. Lodi, Piazza Broletto, 4, Lodi, tel. 0371/409238; e-mail: turismo@comune.lodi.it; www.turismolodi.it
Per arrivare
Lodi dista 30 km da Milano ed è raggiungibile con l’autostradale del Sole, oppure, percorrendo la statale della via Emilia SS9.
Dove sostare in camper
A Lodi non esistono aree sosta dedicate ai camper, ma è possibile parcheggiare, senza campeggiare in tutti i parcheggi della città. Il più vicino al centro il parcheggio in via D'Azeglio.

 

 


Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0
No votes yet
Data Aggiornamento: 
10-06-2015
Data Pubblicazione: 
30-04-2015