Tu sei qui

Cilento in camper in ottobre. Alla scoperta di Ascea, Velia e San Severino di Centola

Un itinerario fuori stagione nel Cilento, che permetterà di ammirare luoghi immersi in una natura incontaminata e rigogliosa, conoscere antichi borghi aggrappati a costoni rocciosi e gustare la buona cucina locale.

Il Cilento è terra di luce, di mare cristallino, di cime solitarie, di storia e di archeologia, di cibi genuini e succulenti. È un territorio che conquista il camperista, e non solo, grazie all’incantevole paesaggio che conserva una natura selvaggia e aspra, che abbraccia le valli e le montagne, le cui pareti rocciose, di singolare bellezza, si stagliano nel cielo con sfumature ocra e rosse.

camper campania cilento Ascea panorama costaIn camper ad Ascea, per girovagare tra i vicoletti e gli antichi cortili.

Il borgo di Ascea si erge solitario su un’altura, nell’area meridionale della provincia di Salerno.

Dopo aver parcheggiato il camper nei pressi del Municipio ci si addentra nella cittadina, dove trovarono rifugio gli abitanti, in seguito alle incursioni saracene.
Una piacevole passeggiata permette di apprezzare la magica atmosfera del centro antico, camper campania cilento Ascea scoglierache conserva ancora l’impianto medievale. I cortili, le scalinate in pietra e le deliziose casette si affacciano sulle stradine lastricate e sui vicoletti dai nomi singolari, come “u’Vicuri li Pimmaroli”.
Nel paese si conservano anche edifici di carattere religioso come la Chiesa di San Nicola e le cappelle di Sant’Antonio da Padova e di Santa Sofia.
Prima di lasciare Ascea è d’obbligo una breve sosta per godere del bellissimo panorama che abbraccia la costa e le rovine dell’antica città di Velia.
Da Ascea alta si prosegue poi verso Marina di Ascea, che vanta una costa di straordinaria bellezza, caratterizzata da un mare cristallino con fondali poco profondi e da una meravigliosa scogliera.

In camper nell’antica Velia
Percorrendo via di Porta Rosa, si raggiunge la Contrada Piana di Velia, dove si trova il Parco archeologico di Velia che racconta di affascinanti civiltà del passato.

camper campania cilento velia panorama

In quest’area gli scavi hanno riportato alla luce l'antica città greca di Elea, chiamata poi Velia dai Romani. La cittadina, fondata dagli esuli provenienti da Focea, fu un importante centro culturale, sede, nel V sec. a.C., della camper campania cilento velia porta rosascuola filosofica di Parmenide e Zenone.
Un suggestivo itinerario, dotato di pannelli esplicativi, permette di visitarne i resti partendo da Porta Marina Sud, protetta da una torre di forma quadrangolare. A sinistra della porta sono ancora visibili resti di edifici. Si tratta di antiche botteghe e di abitazioni private, costituite da un unico vano con al centro una vasca, un tempo utilizzata per la raccolta delle acque e su cui si affacciano gli altri ambienti della casa.
Dell’antica città si conserva anche parte della cinta muraria, lunga 5 Km, che racchiude i diversi edifici, l’agorà, la necropoli di età imperiale, di cui sono visibili sia sepolture individuali che recinti funerari e l’acropoli, posta sulla parte più alta del promontorio, dove, nel Medioevo fu costruito un castello.
Si possono osservare inoltre camper campania cilento velia terme imperialipiccoli santuari e le terme, formate dal calidarium e dal frigidarium, decorate da uno splendido mosaico che presenta raffigurazioni di animali e di mostri marini.
Le rovine della città, che conservano ancora intatto il fascino antico, sono circondate da rigogliosi uliveti, che creano un perfetto connubio tra natura ed archeologia.
Un evento da non perdere, se si visita il parco a fine settembre o nel mese di ottobre è: “Sentieri di luce”, che rientra nella rassegna “Mille e una... Archeologia” e prevede, in orario notturno, l’apertura gratuita di alcuni siti e musei campani. Ad ottobre, le date per partecipare al percorso illuminato sull’acropoli e al laboratorio “Osservazione delle stelle” sono il 5 e il 6 (Orari: 19.30 - 22.30).
Orario di visita del parco: dalle 9.00 alle 20.00 (fino al 31 ottobre); orario invernale:dalle 9.00 a 1h prima del tramonto. Biglietto intero € 3,00, ridotto € 1,50 (cittadini UE 18/25). Gratuito per i cittadini UE al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 65).

Per maggiori informazioni rivolgersi alla Soprintendenza Archeologica tel.: 0974/972396; 0974/972134; e.mail: archeosa@arti.beniculturali.it

A San Severino di Centola, il borgo fantasma

camper campania cilento san severino scorcioTerminata la visita agli scavi archeologici di Velia si procede in direzione nord-ovest verso Vallo della Lucania, dove si arriva percorrendo un breve tratto della SS447, proseguendo per circa nove km sulla Strada Provinciale 635 e imboccando infine la SS18.
In questo modo si evita la strada costiera, che porta fino a Palinuro ed attraversa il comune di Pisciotta, caratterizzata da alcuni tratti franosi che ne rendono difficile la viabilità.
Da Vallo della Lucania si percorre per circa 22 Km la SS18var, la Strada Statale a scorrimento veloce che, nonostante le numerose gallerie e i viadotti, si presenta come una valida alternativa alla tortuosa statale 18. Svoltando a sinistra si imbocca la Strada Provinciale 17 e poi la SS562 che conduce alla prossima tappa dell’itinerario: San Severino di Centola.
L’affascinante borgo, aggrappato su un costone roccioso, è immerso nella meravigliosa cornice del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.
camper campania cilento san severino vicoliLasciato il camper nei pressi della stazione ferroviaria ci si incammina, attraverso una ripida scalinata, verso la parte alta del paese, che conserva ancora la struttura medievale risalente all’XI secolo.
Lungo il tragitto, per riposare qualche minuto, ci si può fermare per ammirare il panorama che abbraccia tutta la valle del fiume Mingardo e il dolce saliscendi delle colline e delle montagne.
Giunti al borgo, la prima cosa che colpisce il viaggiatore è il senso di tranquillità e di pace che si respira. Il silenzio che avvolge le case in pietra, abbandonate e semidistrutte, è interrotto solo dal rumore dei passi sui ciottoli. Non ci sono negozi, né case abitate e bisogna fare molta attenzione nel procedere, anche perché è abbastanza pericoloso entrare nelle antiche abitazioni, che non sono state ancora ristrutturate.
Sui pannelli informativi, collocati lungo il percorso, sono indicati nel dialetto locale i nomi dei diversi edifici, di cui restano ruderi di fortificazioni: u’castiellu, u’ chianu (il piano) e u’ palazzur’ubaruni (il palazzo del barone).
Il visitatore che si avventura nelle intricate stradine avrà la sensazione di rivivere le atmosfere medievali e sarà completamente incantato dalle suggestioni del borgo.
L’associazione "Il Borgo onlus” nel corso dell’anno organizza manifestazioni volte a valorizzare e far conoscere questo luogo, in cui il tempo sembra essersi fermato. Per maggiori informazioni sugli eventi in programma consultare il sito internet: www.borgosanseverino.it

A questo punto, si può decidere se tornare verso casa oppure continuare il viaggio verso Palinuro e Camerota, alla scoperta delle altre meraviglie che il Cilento ha da offrire ai camperisti

Come arrivare
Da Nord: Percorrere l’autostrada del Sole, A1, fino a Caserta. Dopo Caserta Nord prendere l’A30 per Salerno e poi l’A3 direzione Reggio Calabria. Uscire a Battipaglia e prendere la SS18 per Paestum, Vallo della Lucania. Uscita Vallo Scalo e proseguire per Ascea Marina.
Da Sud: Percorrere l’autostrada A30 fino all’uscita Buonabitacolo, verso Sapri. Proseguire per Vallo della Lucania, poi uscire a Vallo Scalo e proseguire per Ascea Marina.

Dove sostare in camper

  • Ascea: Per soste brevi (massimo due ore) è disponibile il parcheggio in via XXIV Maggio, in prossimità del centro storico, nei pressi del Municipio. Prima dell’arrivo è opportuno avvisare telefonicamente la Polizia Municipale Tel: 0974/972727.
  • Marina di Ascea:
    Area sosta camper comunale, dotata di camper service,tra Viale Kennedy e Via Berlinguer, sul Lungomare di Levante. A pagamento (costo giornaliero 10 euro).
    ♦Camping Nuovo Lem, via Acqua Bollita. L’area camper, dotata di camper service, è inserita nell’area riservata alle tende. Apertura stagionale (dal 1 giugno al 15 settembre). Tel.: 0974/971406 Cell.: 338/9617103 e-mail: camping.nuovolem@libero.it.
    ♦Camping Torre Di Velia, via Focea 1, Loc. torre di velia. Apertura stagionale. Tel./Fax: 0974/971469 Cell.: 340/7732631
  • Velia: possibilità di parcheggio nei pressi degli scavi archeologici fino alle ore 20.00 (sosta solo diurna).
  • San Severino di Centola: parcheggio in prossima della stazione ferroviaria di Centola.

*** Per periodi al limitare della stagione estiva, consigliamo sempre di sincerarsi dell’apertura delle strutture prima di mettersi in viaggio

Info utili
Proloco Ascea Piazzale Ferrovia, tel.: 0974/972230 info@prolocoascea.it
Quando si visita il Cilento è da tener presente che nella maggior parte dei comuni si effettua la raccolta differenziata, pertanto lungo le strade non troverete cassonetti dei rifiuti. Per maggiori informazioni rivolgersi alla Polizia Locale o chiedere ai residenti.

 

Foto di Alessandro Rizzo (www.alessandrorizzo.org)

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
16-05-2016
Data Pubblicazione: 
14-09-2012