Tu sei qui

In camper a Benevento, la città delle streghe


In camper a Benevento, la città delle streghe, in occasione dell’evento “Benevento città luce


 


La Primavera è la stagione ideale per visitare Benevento, una delle cinque province campane, caratterizzata da una forte identità culturale e storica, su cui aleggia un’aura di mistero.


In camper a Benevento: il territorio


Benevento sorge nel cuore dell’Appennino sannitico, circondata dal promontorio del Taburno Camposauro e bagnata dai fiumi Calore e Sabato. Abitata sin dal V secolo a. C. dai Sanniti, cui subentrarono i romani e in seguito i longobardi, conserva ancor oggi antiche e preziose memorie cariche di fascino.

Passeggiare per le strade della città è come intraprendere un viaggio nella storia: palazzi nobiliari, chiese e castelli raccontano delle popolazioni che l’hanno abitata.

Benevento città luce


Una buona occasione per una passeggiata in camper è rappresentata dall’eventoBenevento città luce”. Si tratta di un suggestivo percorso serale che si snoda lungo le vie e i vicoli del centro storico e che tocca i principali monumenti e attrattori culturali, illuminati da spettacolari fasci di luce. Voci fuori campo, trasportate dal vento, raccontano le vicende storiche che hanno interessato la città.

La prima tappa dell’itinerario è la Rocca dei Rettori, eretta nel 1321 come sede dei Rettori pontifici e situata nel punto più alto della città, sui resti di un antico fortilizio longobardo. La Rocca presenta una pianta poligonale e si articola su tre livelli, quello terreno in cui si trovano le segrete, il primo con ampi saloni e il secondo con le due torri di guardia e dal cui terrazzo si può godere di una bella veduta della "dormiente del Sannio", ovvero il Massiccio del Taburno.

Si prosegue verso il Complesso di Santa Sofia, simbolo dell’architettura longobarda altomedievale, iscritto nella prestigiosa lista del patrimonio dell’Unesco. Eretta per volere del duca longobardo Arechi II intorno al 760, presenta una pianta stellare, in cui le colonne in pietra calcarea reggono la cupola centrale. Gli affreschi originari, che una volta ricoprivano l'interno della chiesa, sono visibili nelle due absidi laterali e rivelano influssi bizantini.

La terza tappa del percorso è rappresentata dall'Hortus Conclusus, dove i suoni e i bagliori evidenziano le opere moderne di Mimmo Paladino inserite nell'antico contesto del luogo.

Attraversando i vicoli del centro antico si giunge all’Arco di Traiano, dove voci e giochi di luce rievocano le vicende costruttive di uno dei monumenti-simbolo della città, edificato nel momento di massima espansione dell’impero romano e dedicato all'imperatore Traiano. L'Arco fu realizzato in occasione dell'apertura della via Traiana, che collegava la città di Benevento a Brindisi.

Giunti al seicentesco Palazzo Paolo V, i visitatori potranno deliziare il proprio palato con la degustazione di prelibati prodotti a base di torrone e cioccolato, che prelude alla seducente narrazione delle streghe di Benevento.

Il percorso si conclude nell’area archeologica dell'Arco del Sacramento con un finale spettacolare, che vuol riassumere e confrontare le diverse epoche ed esperienze vissute dalla città campana.

Per informazioni sulle modalità di prenotazione e sui costi del biglietto, consultare il sito internet: www.cittaluce.it 0824 772524 - 0824 772 516 e.mail: cittaluce@beneventocultura.it

Le streghe di Benevento


Benevento non è solo una città di arte e di cultura ma conserva anche un fascino misterioso. Sin dall’età romana, infatti, si diffuse nella città il culto di Iside, dea egiziana della luna, che alimentò nel Medioevo la nascita di leggende di streghe, le cosiddette Janare.

I beneventani tramandano a tal proposito antiche storie, in cui si mescolano immaginazione e fantasia. Si racconta di riunioni e di riti demoniaci che si svolgevano vicino ad un albero di noce, sotto il quale, nel XVI secolo, furono rinvenuti frammenti di ossa. Oltre ai balli e ai canti, si narra vi fossero anche banchetti in cui si utilizzavano erbe misteriose.

Dopo le riunioni, le streghe seminavano l'orrore, causando aborti, deformità nei neonati e sfiorando, come una folata di vento, i dormienti.

La leggenda vuole che le streghe, di notte, si cospargessero il corpo con un unguento e spiccassero il volo a cavallo di una scopa, pronunciando una frase magica. Le streghe diventavano poi degli spiriti, confondendosi con il vento: da qui la credenza che volassero principalmente durante le notti di tempesta.

Nelle sere d’inverno, passeggiando negli stretti vicoli della città, sembra ancora di sentire i lamenti e le voci delle streghe.

In camper a Benevento: informazioni per il camperista


Benevento è facilmente raggiungibile attraverso la viabilità autostradale ed ordinaria:

  • dall’autostrada A1 (Napoli - Milano), uscita Caianello e proseguire sulla strada statale 372 "Telesina".

  • dall’autostrada A14 (Bologna - Bari), uscire a Termoli e percorrere la strada statale 88 "Dei Due Principati" (Campobasso - Termoli).

  • dall’autostrada A16 (Napoli - Bari), uscire a Benevento.

In ogni caso le coordinate GPS per farsi accompagnare dal proprio sistema di navigazione satellitare sono N41.130444 E14.781046


Per la sosta in camper


Area di sosta gestita dal Camper Club Sannio.

Per informazioni info@sanniocamperclub.it - Web: www.sanniocamperclub.it

Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Coordinate: 
Latitudine: 14.781046000000 - Longitudine: 41.130444000000
Data Aggiornamento: 
02-01-2014
Data Pubblicazione: 
16-05-2012