Tu sei qui

Avvento in Alto Adige (BZ) | Weekend in camper

È scesa la prima neve e in Alto Adige ci si prepara ad accogliere il Natale tra tradizioni antiche che creano un’atmosfera unica e speciale. A partire da fine novembre vanno in scena i celebri mercatini che sempre incantano e ispirano per regali natalizi fatti a mano

Una festa per i sensi
Il richiamo dei mercatini di Natale è irresistibile e ogni anno, nonostante la ressa, un “salto” a respirare la tipica atmosfera, fatta di profumo di biscotti appena sfornati, di vin brulè, di legno e lana e di melodie che si diffondono nell’aria accendendo lo spirito natalizio, diventa irrinunciabile. L’Alto Adige come sempre si distingue per l’autenticità dei suoi mercatini, allestiti in tipici chalet in legno, colmi di artigianato tipico e gastronomia locale. Da Bolzano a Merano, da Bressanone a Vipiteno fino a Brunico, ogni cittadina si veste a festa per celebrare l’Avvento; a queste cinque località più famose, si affiancano i mercatini delle valli minori, incastonate tra le cime dolomitiche spruzzate di neve, fiere di mostrare la propria identità attraverso i lavori artigianali, spesso realizzati anche davanti agli occhi del turista, esterrefatti da tanta maestria.

Avvento di tradizioni
L’ultima domenica di novembre, quella che dà via alla maggior parte dei mercatini, si accende la prima delle quattro candele della corona d’Avvento che tradizionalmente occupa il centro di ogni tavola che si rispetti dell’Alto Adige. Profumo di cera d’api che si mischia perfettamente con quello di abete, di cui è composta la corona, inonda le case altoatesine che si preparano ad accogliere il Natale. L’Avvento, qui più che altrove, è una cosa seria, fatto di tradizioni centenarie che si ripetono uguali ogni anno, di convivialità e spiritualità. Alcune valli conservano ancora l’usanza del Klöckeln, nata nel XVI secolo, in cui durante i tre giovedì d’Avvento gruppi di uomini mascherati, accompagnati dallo sposo e dalla sposa (gli Zussler), vanno bussando di casa in casa per raccogliere offerte in cambio di cori dall’antica melodia. Più diffusa è la celebrazione di San Nicolò, il 5 dicembre, in cui il Santo sfila per le strade del paese regalando dolcetti ai bimbi buoni, seguito da diavoli minacciosi (i Krampus) vestiti di pelli e con maschere spaventose, enormi corna e campanacci, che anneriscono il volto dei bambini cattivi con carbone. Suggestiva è la sfilata di Krampus di Brunico, in Val Pusteria, ogni anno pari, a cui prendono parte quattrocento diavoli che si inoltrano per le vie del caratteristico centro storico. Tra le più particolari c’è invece quella di Stelvio in Val Venosta, dove in strada scendono i Klosn, creature misteriose e leggendarie rappresentanti il male, incarnate dai giovani del paese travestiti da asini, con stoffe colorate e sonagli, e da diavoli. Il brivido è garantito e, attenzione, preparate bene i bambini, perché ci vuole coraggio per assistere, divertendosi, a queste sfilate.

Bolzano, è qui la festa
A fare da magica cornice a questi eventi che segnano l’Avvento ci sono i mercatini natalizi, sempre uguali apparentemente ma ogni anno con qualcosa di nuovo per stupire e incantare il visitatore.
A Bolzano all’apertura del mercatino si affianca come sempre la “Lunga Notte dei musei”, il 1 dicembre dalle 16 all'una di notte, un appuntamento imperdibile per assistere gratuitamente a mostre e collezioni, visite guidate, incontri, laboratori, concerti e spettacoli. In questa particolare occasione il Mercatino di Natale e i negozi del centro città saranno aperti fino alle 22. Potrebbe essere questo il momento ideale per visitare il Museo Archeologico di Merano dove da 26 anni è conservata Ötzi, la Mummia del Similaun, l’uomo venuto dal ghiaccio, ritrovato il 19 settembre 1991 sulle Alpi Venoste, ai piedi del monte omonimo. Ötzi, custodito in una teca dove sono ricostruite artificialmente le condizioni climatiche che hanno consentito la sua incredibile conservazione (temperatura costante sotto i -6°C e tasso di umidità prossimo al 100%), è un uomo vissuto in piena Età del Rame, oltre 5000 anni fa. Fino al 14 gennaio 2018 il Museo ospita inoltre la mostra temporanea “Heavy Metal – Come il rame cambiò il mondo”, che espone anche nuovi ritrovamenti archeologici dell’area alpina e pezzi originali provenienti dalle regioni limitrofe . Altri appuntamenti importanti che hanno luogo durante il Christkindlmarkt sono “Un Natale di Libri”, proposto per la prima volta l’anno scorso, una passerella di alcuni tra i più grandi scrittori italiani e tedeschi, il mercatino dei bambini, in piazza della Mostra, con giochi in legno e abbigliamento, animazioni, mini parco giochi e trenino elettrico, la sfilata dei Krampus l’8 dicembre e ogni weekend le canzoni tradizionali dell’Avvento Alpino e le bande musicali in costume.

Piccolo è bello
Più piccoli ma altrettanto suggestivi sono i mercatini nei dintorni di Bolzano. Lontani dalla ressa, in Val Sarentino, a 20 chilometri dal capoluogo, dal 26 novembre per tutti i weekend fino a Natale, si assapora il clima dell’Avvento passeggiando tra le venti casette del mercatino tradizionale, dove si possono acquistare manufatti artigianali in legno, in pelle e in lana e numerose specialità gastronomiche come lo Striezl, una sorta di pagnotta ripiena di speck. Il programma dedicato ai bambini, il laboratorio creativo e gli appuntamenti musicali completano l’offerta di questo piccolo mercatino-gioiello altoatesino.
Originale e sempre piccolo è il Trenatale del Renon, in programma ogni fine settimana dal 24 novembre al 30 dicembre (aperto ogni fine settimana e il 26 dicembre). Allestito all’interno di carrozze del trenino storico nei pressi delle stazioni di Soprabolzano e Collalbo e raggiungibile in soli 12 minuti da Bolzano.

I mercatini di Natale di Merano
È il secondo mercatino di Natale per grandezza e accoglie i visitatori con tipici chalet in legno, in fila uno dietro l’altro lungo la Passeggiata a fianco del fiume Passirio. Dal 24 novembre scorso e fino al 6 gennaio 2018 inonderà Merano di prodotti artigianali di legno, feltro, lana, cuoio, pietra, cera e naturalmente di gastronomia. Lo spirito del Natale si diffonderà in tutto il centro storico meranese: in piazza Terme, sapientemente addobbata, si potrà pattinare sul ghiaccio e assistere a concerti natalizi, mentre in piazza Duomo ogni giorno ci sarà l’appuntamento con l’apertura delle finestre del calendario d’Avvento, proiettato sulla facciata del Palais Mamming. Le famiglie coi bambini sono sempre le benvenute nella città delle terme e a loro è riservato un programma di intrattenimento che prevede giri con i pony, laboratori di bricolage e la sfilata di San Nicolò, patrono cittadino, che premierà i bimbi buoni. A Merano la tradizione convive benissimo con la modernità e ne sono un esempio ben riuscito le grandi sfere di vetro colorate in piazza Terme, che racchiudono piccoli ristoranti esclusivi per otto persone in cui assaggiare le tipicità locali, così come il design e l’architettura moderna della cittadina, incarnati perfettamente dall’edificio delle Terme Merano. 

Nei dintorni di Merano
Appena fuori Merano, la magia dei mercatini si fa ancora più intima e tradizionale. Castel Tirolo è lo scenario suggestivo per un evento natalizio autentico: l’Avvento di Castel Tirolo. Ospitato nella corte circondata dalle possenti mura del maniero e nella sala dei Cavalieri, dall’8 all’10 dicembre, il mercatino espone il meglio dell’artigianato tipico con artisti locali che presentano antichi mestieri, come la lavorazione del feltro e l’utilizzo del tornio, la filatura e la tintura della lana. Concerti di strumenti a fiato e cori rendono questo mercatino ancora più speciale.
Un appuntamento da non perdere se si è in zona (info: www.dorf-tirol.it). Durerà invece per tutto l’Avvento, e anche oltre, il mercatino “Polvere di Stelle” a Lana, a 11 chilometri da Merano, dal 2 al 31 dicembre. Le vie pedonali del paese saranno tutte decorate con bellissime stelle, mentre gli abeti porteranno sfere rosse di vetro. Al calar della notte, gli edifici più belli di Lana si trasformeranno grazie alle proiezioni di luci dell’artista-designer Herward Dunkel.   Da metà dicembre, poi, si inaugurerà il mercatino di Natale, dove tutto sarà nel segno della tradizione contadina. Ovunque andrete, l’Avvento dell’Alto Adige vi donerà una calda atmosfera di allegria e magia: tornerete a casa soddisfatti e anche con qualche regalo in meno da fare!

Informazioni utili per il camperista

Come arrivare in Alto Adige in camper
Per arrivare a Bolzano prendere la A22 e uscire a Bolzano Sud. Da qui si raggiunge facilmente Merano, distante 34 chilometri.
Dove sostare in camper in Alto Adige
A Bolzano si può sostare (non campeggiare) nei parcheggi seguenti. PS in via Maso della Pieve, con possibilità di scarico acque nere, a 4 km dal centro (raggiungibile con l’autobus nr. 2-10A-10B), GPS: N 46° 28’ 24.992’’ E 11° 20’ 13.005’’; PS in via Sarentino, presso la stazione della funivia di San Genesio e a 2,5 km dal centro (raggiungibile con l’autobus n. 12-14), GPS: N 46° 30’ 49.932’’ E 11° 21’ 7.196’’; PS in via Buozzi presso la Fiera di Bolzano e di fronte al supermercato Interspar, con possibilità di scarico acque nere, situato a 4 km dal centro (raggiungibile con l’autobus n. 4-10A-10B o con il treno per Merano – fermata Bolzano Sud), GPS: N 46° 28’ 26.54’’ E 11° 19’ 33.986’’; PS in viale Trieste, presso lo stadio Druso e la piscina comunale, a pagamento con tariffa oraria da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 19.00, situato a 1 km dal centro (raggiungibile con l’autobus n. 2-3-4-6), GPS: N 46° 29’ 33.233’’ E 11° 20’ 43.481’’; PS in via Maestri del Lavoro, angolo Frischin (dall’8 all’11 dicembre), che dispone di 350 posti, GPS: N 46° 28’ 9.296’’ E 11° 19’ 30.868’’. Per campeggiare, Camping Moosbauer, via San Maurizio 83, tel. 0471/918492, GPS: N 46° 30’ 10.329’’ E 11° 17’ 59.005’’.
A Merano, Camping Merano, via Piave 44, tel. 0473/231249,   GPS: N 46° 39’ 51.494’’ E 11° 9’ 32.566’’. In alternativa sostare gratuita nel piazzale Prader in via IV Novembre (escluso dall’8 all’11 dicembre), presso la stazione ferroviaria centrale, GPS: N 46° 40’ 27.116’’ E 11° 8’ 59.132’’. Nelle giornate di mercato l’area, priva di servizi, è a disposizione solo dopo le ore 17. Lungo via IV Novembre vi è la possibilità di sostare anche in altri parcheggi più piccoli. Il centro città e i mercatini si raggiungono con una camminata di 10 minuti circa. Dall’8 all’11 dicembre si può invece sostare presso l’area ex Haller, via Scuderie (nelle vicinanze della stazione ferroviaria di Maia Bassa), GPS: N 46° 39’ 18.398’’ E 11° 8’ 59.485’’. Prezzo giornaliero: € 15,00. Il centro si raggiunge facilmente con i bus pubblici (linee 211 e 212).
Per altre soluzioni di sosta in camper in Alto Adige vi consigliamo di consultare il dbase online di CamperLife.
Consigliamo inoltre di chiedere ai Comuni eventuali modifiche o disponibilità straordinarie disposte in occasione dei mercatini.
Info turistiche
Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano, Piazza Walther 8, dal 1/10 via Alto Adige 60, Bolzano, tel. 0471/307000, www.bolzano-bozen.it
Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti, tel. 0471/633488, www.bolzanodintorni.info.
Azienda di Soggiorno di Merano, Corso Libertà 45, Merano, tel. 0473/272000, www.mercatini.merano.eu.
 

Autore: 
Redazione CamperLife
Punteggio: 
0

No votes yet

Data Aggiornamento: 
01-12-2017
Data Pubblicazione: 
01-12-2017