Tu sei qui

Austria in camper nella Wachau, la Valle dei Nibelunghi



Dopo questo lungo inverno abbiamo voglia di primavera , bel tempo, sole e soprattutto voglia di partire in camper, ecco che allora vi proponiamo di fare un viaggio forse un po’ insolito: la Wachau detta anche la Valle dei Nibelunghi, in Austria



Visualizzate il tragitto utilizzando le mappe di google maps
La terra dei Nibelunghi, stirpe mitologica di nani che viveva sotto terra e conosceva i segreti della fusione del ferro, come racconta il poema epico tedesco La Canzone dei Nibelunghi. Secondo questo scritto qui avrebbe vissuto Rüdiger von Bechelaren, il leggendario uomo di fiducia di Attila, re degli Unni.

In questo viaggio, vogliamo invitarvi a percorrere e scoprire questa valle, situata nella Bassa Austria tra Linz e Vienna; una valle ricca di storia, tesori culturali e straordinari paesaggi lungo il Danubio. Questi paesaggi fanno parte dal 2000 del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco oltre ad essere una delle principali mete turistiche della Bassa Austria.

La Wachau è una valle di una trentina di chilometri che inizia alle porte di Melk per proseguire sino a Krems snodandosi lungo il corso del Danubio. Nel primo tratto è molto stretta ed è attorniata da montagne e via via si allarga sino ad arrivare nelle vallate dove regnano molti frutteti. Ripide scoscese si alternano a zone boschive caratterizzate da paesi e città, monasteri, castelli e rovine che si affacciano sul Danubio alcuni dalla riva destra, altri sulla riva sinistra e da una straordinaria varietà di paesaggi. Non mancano i terrazzamenti, realizzati con muretti a secco, sui quali si coltivano vigneti che producono un vino noto in tutta l’Austria, mentre lungo il Danubio si snoda la più nota pista ciclabile d’Europa. 

Iniziamo il nostro viaggio dalla riva destra del Danubio e visitiamo la graziosa cittadina di Ybbs dominata dal castello Persenbeug dove nel 1887 nacque l’ultimo imperatore d’Austria Carlo d’Asburgo.

Il centro storico di questo borgo vanta case borghesi del XV e XVI sec. con una fontana rinascimentale e la chiesa parrocchiale tardo-gotica, mentre la Ybbs moderna vanta una centrale idroelettrica e per gli appassionati delle due ruote da vedere il museo della bicicletta che rappresenta la sua evoluzione dal 1820 fino ai nostri giorni.

Prossima visita la città di Melk, molto bella dove ci fermiamo per visitare l’imponente Monastero Benedettino centro spirituale e culturale da circa mille anni.

A chi ha letto il libro "Il nome della rosa", oppure ha visto il film, il nome di questa città non giungerà certo nuovo. Il monastero dei benedettini Benediktinerstift-grande capolavoro barocco - fondato nel 1089 su un picco roccioso domina la città di Melk e dall’imponente altana si gode un panorama unico sulla regione prealpina. Durante il 1805 l’abbazia svolse un ruolo importante e strategico per Napoleone che la utilizzò come quartier generale durante la conquista francese d'Austria.l monastero possiede numerose opere d’arte, la sala del marmo con affreschi di Troger e la biblioteca del chiostro che vanta 80.000 volumi, miniature e manoscritti tra i quali il poema epico dei Nibelunghi.

I monasteri e le chiese hanno sempre avuto una grande importanza nella Wachau. Essi erano i centri del sapere e influenzavano la vita economica. Quasi i tre quarti dei vigneti alla fine del XV secolo si trovavano in mani ecclesiastiche. La ricca coltivazione alimentò il commercio sul Danubio. Il vino venne trasportato in direzione di salita del Danubio, ed al contrario il sale, il ferro e altri beni giunsero nella Wachau. Gli abitanti divennero benestanti e goderono presto di particolari libertà e privilegi.

Proseguiamo il viaggio e a un chilometro circa dal grazioso borgo Schönbühel su una roccia alta 40 mt. a picco sul Danubio sorge l’omonimo castello e il Monastero del XII sec. fedelmente costruito su imitazione dei luoghi santi della Palestina con la chiesa della Natività di Betlemme, la tomba di Cristo e la Cappella del Calvario e una cappella che mostra la Crocifissione.

Riprendiamo il percorso lungo il Danubio e nel punto più stretto della Wachau possiamo ammirare le rovine della fortezza Aggstein del XII sec. che troneggia su una collina rocciosa.

All’epoca il castello era in possesso dei Kuehnringer, briganti che assalivano e saccheggiavano le navi e i convogli commerciali che
vi transitavano.

GÖTTWEIG il Monastero Benedettino barocco, chiamato la “Montecassino Austriaca“ si vede da lontano per la sua posizione fantastica situata ad un’altezza di 450 mt. Degna di essere visitata la chiesa riccamente scolpita, la scala con le camere imperiali.

Nell’ala orientale si può visitare la biblioteca con una ricca collezione di manoscritti. Dalla terrazza del giardino si gode un meraviglioso panorama sulle vigne e sul corso del Danubio.

Attraversiamo il Danubio e ci rechiamo sulla riva sinistra dove visitiamo l’antico centro Krems-Stein, due città commerciali nel medioevo ora unite in un unico comune.
Inclusa dall’Unesco nel Patrimonio Culturale dell’ Umanità è un'affascinante città circondata da vigneti e ricca di tesori barocchi e rinascimentali con stradine medievali e importanti monumenti storici. La parte più antica della città è situata su un terreno più elevato, mentre i quartieri più recenti si affacciano sulle rive del Danubio. La città vecchia vanta molti edifici storici ed eleganti case borghesi, belle chiese barocche, gotiche e resti di fortificazioni.


 


Il punto di riferimento della città è la Steiner Tor; un’alta torre barocca tra due torri medievali, con tetti a punta che introduce nel centro storico in una matassa di vicoli, piazzette e palazzi rinascimentali. Stein è un luogo incantevole che ha conservato gran parte del suo fascino di “vecchio mondo”. Potremo notare la presenza di numerose cantine che han fatto gran parte della storia del vino austriaco. 


La romantica cittadina di Dürnstein che si affaccia direttamente sul Danubio è forse la più popolare attrazione turistica della Wachau. Circondata da mura e torri sembra incastonata contro la montagna. Tra queste mura vi è un convento agostiniano, capolavoro di architettura barocca. La torre bianca e blu della chiesa spicca su tutto il paesaggio circostante. Ristrutturata nel 1980 nei suoi colori originali con importanti rilievi del Cristo sofferente domina anche il corso del Danubio.

Una rarità, il tabernacolo girevole dell’altare, con 44 scene tratte dalla vita di Gesù. Su uno sperone roccioso sopra il paesino si può ammirare la rocca di Dürnstein oggi in rovina. Nel 1192 il Re inglese, Riccardo Cuor di Leone, venne tenuto lì prigioniero. La leggenda narra che il fedele servitore Blondel andasse di rocca in rocca a cercare il re cantando la sua canzone preferita, finchè dalla rocca di Dürnstein egli sentì infine la voce del suo re che cantava la seconda strofa della canzone.



Per la liberazione venne pagato un riscatto, il quale ammontava a ben 23,5 tonnellate d’argento, usato in seguito per la ricostruzione e l’ingrandimento di Dürnstein. Weissenkirchen e Spitz assieme ai paesi di Joching, Wösendorf e St. Michael, formano la regione a vocazione vinicola più grande della Wachau. In questa zona nasce il celebre Riesling.

Nonostante i vini austriaci non siano famosi come altri vini europei, meritano sicuramente di essere assaggiati.

I vini bianchi di questa regione sono ottenuti da uve Gruner Veltliner, un vitigno autoctono. Lo Chardonnay, il Riesling, il Weissburgunden (Pinot Bianco) e Gewurtztraminer, sono decisamente profumati e strutturati con una lunga persistenza.

Tra i rossi si produce prevalentemente Blauburgunden, ( Pinot Nero). Numerose sono le “Heurigen”, cantine con possibilità di degustazioni.

La Wachau è nota anche per la produzione di albicocche , utilizzate per la produzione di marmellate e liquori caratteristici.


La nostra prossima meta è il villaggio di Willendorf, ove è stata rinvenuta la “ Venere di Willerdorf” una statuina di undici cm. dell’era paleolitica. Essa viene considerata come la scultura in pietra più vecchia al mondo. Una copia si trova nel Museo a Krems, l’originale invece si trova nel Museo storico-naturale di Vienna.

Proseguiamo il viaggio lungo il Danubio; la pista ciclabile corre accanto alla strada mentre i battelli turistici solcano le placide acque del fiume dando cosi’ la possibilità ai turisti di ammirare paesini circondati da vitigni soleggiati in posizione idilliaca.

Lasciamo le sponde del Danubio e ci rechiamo in collina per visitare castello di Arstetten residenza estiva della famiglia imperiale. Il castello bianco si trova in un vasto parco di faggi e cipressi secolari ed è riconoscibile da lontano per le sue sette cupole a cipolla.






Nella cappella del castello sono sepolti l’Arciduca Francesco Ferdinando e Sofia, Duchessa di Hohenberg deceduti nell’attentato di Sarajevo nel 1914.

Concludiamo il nostro viaggio nel luogo di pellegrinaggio piu’ importante della Bassa Austria, Maria Taferl. Questa Basilica con imponenti campanili a bulbo, vanta numerosi dipinti e una sala barocca riccamente affrescata, una Camera dei Tesori con affascinanti gioielli in oro e argento e altra curiosità, un presepe meccanico di trecento personaggi
 .

Ma la Wachau oltre a paesini pittoreschi, palazzi storici, castelli e monasteri è molto altro… una natura meravigliosamente conservata, usi e costumi con tradizioni ben radicate. Non è raro incontrare uomini e donne con i loro abiti tradizionali, con una dedizione al loro territorio davvero rimarchevole. Lasciamo a voi il compito di scoprire questi ed altri luoghi, magari percorrendo la ciclabile del Danubio quasi tutta in piano adatta anche a bambini.


 


 


Aree di sosta e campeggi


 


Aggsbach am Markt / Wachau
N 48.294837 E 15.404499


 




 


 


Rossatzbach
N 48.387482 E 15.517232


 




 


 


Maria Laach
N 48.32097 E 15.359969


 




 


 


St. Martin am Ybbsfelde
N 48.164651 E 15.019954


 




 


 


Waldhausen, Strudengau
N 48.284187 E 14.95885


 




 


 


Laimbach su Ostrong
N 48.317391 E 15.124906


 




 


 


Ottenschlag
N 48.423705 E 15.227522


 




 


 


Ulteriori info su aree e camping


 


Camper 55 plus


 




 


 


Campsite


 




 

Altra possibilità di godere del paesaggio unico e magnifico di questa vallata è quella di fare una gita di qualche ora a bordo dei molteplici battelli ammirando in un’unica soluzione la riva destra e quella sinistra . 

 

“Un viaggio sul Danubio è l’occasione per imparare la storia, sopralluogo sul teatro degli eventi, goderne o immaginarne la scenografia, aiuta a ricostruire i movimenti, gesta eroiche o semplici rituali quotidiani… “ - Igor Principe -

Aufviedersen Danubio !! 


Informazioni utili per chi si reca in Austria 


Vi elenchiamo qui di seguito alcune informazioni che è necessario conoscere per recarsi in Austria


  • Per circolare sulle autostrade austriache è necessario munirsi della "vignetta", acquistabile anche sull'autostrada prima del confine italiano.



  • Il limite di velocità per i camper è fissato in 130 Km/h in autostrada, 100 sulle strade principali e 50 nei centri urbani.



  • Il limite massimo di alcool nel sangue è pari a quello italiano: 0,5 gr/lt.



  • Si deve circolare con le cinture di sicurezza allacciate e per i bambini al di sotto dei 12 anni è obbligatorio il seggiolino.



  • E' vietato l'uso del telefono alla guida se non muniti di vivavoce.



  • In strada si deve dare precedenza al pedone che vuole attraversare anche se questi non ha ancora impegnato le strisce zebrate.



  • E' vietato sorpassare gli scuolabus mentre i bambini salgono o scendono.


 


Punteggio: 
2.88889

Average: 2.9 (9 votes)

Data Aggiornamento: 
02-01-2014
Data Pubblicazione: 
20-04-2010