Tu sei qui

Appuntamenti per camperisti golosi, in Agosto nel centro Italia

Nelle Marche, a Ostra Vetere:


L'arte del passato si sposa con gli artifizi del presente. Folklore e freestyle a Ostra Vetere
La macchina del tempo è programmata. Si parte verso il 1900. Un secolo indietro, nel passato, per rivivere sensazioni, passioni e la storia di chi eravamo e chi vorremmo ancora essere. È questa la ragione, una delle tante, ma forse la più determinate che spinge la proloco di Ostra Vetere, nelle Marche, a realizzare ogni anno la rievocazione della trebbiatura dal 27 al 31 luglio...




In Emilia Romagna, a Burana frazione di Bondeno:


Bondeno: dopo il successo del primo week end tutti a mangiare lo storione fino a Ferragosto
Continua a Burana l'appuntamento con lo storione e il pesce di mare. Dopo il successo del primo week end, gli stand continuano ad essere aperti per tutta la settimana fino al 15 agosto. Il mal tempo, annunciato, non preoccupa, perchè gli stand sono tutti al coperto. Quindi, tutti a Burana a fare scorpacciata di pesce!!! I soldi del ricavato saranno in parte reinvestiti per ricostruire quando è andato perduto con il terremoto.




Nel Lazio a Rivodutri - Rieti:


Magia, esoterismo e gustosa cucina di territorio
Rivodutri celebra la XII Sagra della trota biologica

Bianca e salmonata, ma sempre biologica, la gustosa trota reatina di Rivodutri viene servita nel fine settimana del 3 agosto per l’XII sagra ad essa dedicata nel bellissimo parco della Sorgente di Santa Susanna fresco e trasparente specchio d'acqua riconosciuto monumento naturale nel 1977, proprio ai piedi del paese.




Nel Lazio a Poggio Moiano - Rieti:


Nuvole in Sabina: Maccaruni e fumetti protagonisti di Poggio Moiano
Segreti, paure, streghe e licantropi, si infittisce il mistero a Poggio Moiano… come saranno stati conditi i “maccaruni”? Direttamente dal civico 7 di Craven Road arriverà il castigatore dei cattivi, l’uomo che non conosce misteri: Dylan Dog. Ex poliziotto, ex alcolista ed irresistibile Don Giovanni, Dylan sarà il protagonista di Nuvole in Sabina (4-5 agosto), l’evento estivo dedicato al fumetto che farà da spalla alla Sagra dei Maccaruni.




Nel Lazio a Colli sul Velino - Rieti:


Colli sul Velino: cortei ottocenteschi e gastronomia locale sfilano sotto le stelle
Dalla Sagra del cinghiale al Palio della Padella, rullano i tamburi e Colli sul Velino fa festa.

Dal 2 al 5 agosto, il paesino reatino, tra la Valle Santa e la vallata del Lago di Piediluco si anima con dame e cavalieri che sfilano in abiti ottocenteschi lungo le vie del paese, richiamando abitanti e turisti ad unirsi al corteo che conduce al luogo della disputa, momento principale della rievocazione storica.




Nel Lazio a Cantalice - Rieti:


Cantalice, le tipicità locali si gustano in cinque tappe
Stradine strette e ciottolose, scalinate in pietra, affacci mozzafiato, antri bui illuminati da artisti che in ogni angolo di Cantalice, piccolo comune del reatino, hanno realizzato una scenografia fatta di colpi di luce per la settima edizione del “Cammino dell'arte e del gusto” dal 2 al 5 agosto. 350 scalini ci porteranno nel cuore del paese, ma c'è anche una scorciatoia, per assaporare i piatti tipici locali in un percorso goloso e ricco di iniziative.
Approfondimento



Nel Lazio a Monteleone Sabino - Rieti:


Fettuccine alla trebulana: l'arte di fare la pasta a Monteleone Sabino
Impastate farina e uova, la sfoglia poi “tirata” a mano con il matterello di legno. Spessore e taglio sono gli arcani di questo procedimento. Piselli, pomodoro, funghi, prosciutto e pancetta saranno invece il condimento delle Fettuccine alla Trebulana protagoniste della sagra ad esse dedicata, da oramai quindici anni, dalla proloco di Monteleone Sabino. Una ricetta antica tramandata oralmente dalle donne del paese e rielaborata a dovere, è il segreto delle fettuccine dal sapore unico che il 4/5 agosto verranno servite negli stand posti nel centro storico del paese dell'Alto Lazio in provincia di Rieti.
Approfondimento



Nel Lazio a Villa Santo Stefano - Frosinone:


Cecapreti, il piatto della memoria a Villa Santo Stefano
C'è chi li strozza e chi li vuol accecare. I preti, nel frusinate un tempo, se la vedevano male, soprattutto a tavola, dove i “cecapreti” erano il piatto forte nato dal clima anticlericale presente in ogni casa santostefanese. Si dice che le donne li preparassero per augurare al prete, ospite a pranzo, di ammalarsi. Oggi i “cecapreti”, pasta povera fatta a mano con semplice acqua e farina e condita con sugo di carne, rappresentano il piatto della memoria, spoglio del significato di un tempo, ma ricco di quella tradizione che ancora ancora oggi caratterizza il paese. Ad accompagnare i cecapreti, protagonisti della giornata, sarà la bufaletta, ovvero carne di bufalo al sugo con contorno di piselli.


Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
02-01-2014
Data Pubblicazione: 
23-07-2012