Tu sei qui

Alla scoperta delle meraviglie del Salento in inverno

Il Salento in camper

E’ pensiero diffuso che le località di mare, famose per la villeggiatura estiva, perdano il proprio fascino nei mesi invernali. Il mio suggerimento è, invece, di andare a bordo del nostro camper alla scoperta di queste località marine, anche d’inverno!

Focalizzandoci ad esempio sul Salento, scopriremo delle città sempre vive, come Otranto, Gallipoli e Novoli, ideali per una vacanza in camper invernale.

Inoltre, sono città piene di eventi, durante il periodo natalizio!
camper salento litoranea

Percorrendo la Puglia in camper
Otranto e Gallipoli
sono ottime per scoprire il basso Salento, con la sua campagna di muretti a secco ed ulivi; mentre, percorrendo la litoranea che da Otranto porta a Santa Maria di Leuca si può godere del panorama marino in inverno. Queste località sono vicine e ben collegate anche con Lecce.
Da Ostuni, invece, è più semplice raggiungere la Valle d’Itria con i trulli di Alberobello, Cisternino, Martina Franca. In particolare, la valle d'Itria è caratterizzata da una vegetazione rigogliosa dominata dall'olivo, coltivato nelle terre delle masserie, le piccole fortezze in pietra di questa zona. Le coste sono contraddistinte da lunghi litorali sabbiosi, dune e riserve naturali protette. Il paesaggio è fantastico anche in inverno, dove passeggiare a piedi per le vie dei paesini famosi per i Trulli dà un senso di tranquillità a contatto con la natura. Una località adatta per la sosta del camperista è Lido Tavernese, sulla strada per Alberobello.

Prendendo la strada verso Bari, anche Monopoli è affascinante d’inverno e, fermandosi alla sosta predisposta per i camper, c’è la possibilità di visitare il centro storico, oltre che godersi il panorama del lungomare in inverno.
camper salento otranto panorama marecamper salento alberobello trullocamper salento monopoli notte

 Gli eventi tra Natale e Capodanno
Scopriamo due appuntamenti molto importanti nel Salento, che si svolgono tra Natale e Capodanno, e che rappresentano degli appuntamenti ricchi di spettacolo, cultura locale e storia.

 

L’Alba dei Popoli ad Otranto
Un evento molto bello che vi segnalo è il Capodanno a Otranto con il suo appuntamento fisso: camper salento punta palascia albal’Alba dei Popoli. In realtà, non si tratta soltanto di un appuntamento per festeggiare il nuovo anno, ma di un mese intero, quello di dicembre, pieno di eventi artistici, culturali con spettacoli, musica, mostre e incontri. Si chiama Alba dei Popoli perché Otranto, essendo la città più a est d’Italia, è la prima a vedere la nuova luce dell’anno nuovo: il primo sole del nuovo anno d’Italia. Il modo migliore per festeggiare il Capodanno 2013 in Puglia è dunque camper salento otranto monumentovivere di persona l’Alba dei Popoli. In linea generale, il programma della manifestazione consiste nella realizzazione di una rassegna culturale e d'intrattenimento musicale, il cui momento culminante sarà il tradizionale concerto in piazza del 31 dicembre, divenuto ormai l'evento che associa nell'immaginario collettivo l'inizio del nuovo anno alla città di Otranto.

Otranto offre un’area sosta molto comoda per il camperista, che può percorrere a piedi le strade cittadine, andando a scoprire la cultura storica ed anche culinaria della città. Nel sito www.comune.otranto.le.it troverete tutte le informazioni e le indicazioni per i ristoranti e i musei più importanti.

Una visita al faro di Punta Palascìa
Chi decide di recarsi ad Otranto, non può non raggiungere anche d’inverno Punta Palascìa camper salento punta palascia otranto(coordinate GPS
40°06′26″N 18°31′14″E), il cuore del Parco Naturale Regionale Otranto-Leuca, un’area denominata IBA (Important Bird Area), tra le più importanti d’Europa, e famosa per la trasformazione di un edificio militare in un museo d’eccellenza ed oggi luogo della sperimentazione universitaria. Risale, infatti, a qualche anno fa, per iniziativa del Comune, la decisione di trasformare il Faro di Punta Palascìa in un museo sul Mar Mediterraneo; inaugurato poi dal governatore Vendola il 19 dicembre 2008, contrastando così il progetto di vendita a privati. Ora il Faro ospita l’Osservatorio Ecologico che è parte di un sistema di Osservazione della Biosfera, strutturato a livello globale, attraverso le due iniziative di ‘Global Terrestrial Observing System’ delle Nazioni Unite e di ‘Global Earth Observation System of Systems’ dell’EPA degli Stati Uniti.

La festa del fuoco a Novoli, città del fuoco e del vino
Davvero particolare ed unica è la festa che si svolge a Novoli, in provincia di Lecce. La festa che i novolesi tributano al loro Santo Protettore si chiama ‘Festa della Fòcara’ ed inizia il 7 gennaio, con il Novenario, per terminare il 18 gennaio, con la festa di tutti i cittadini (‘festa te li paisani’). Giorni importanti della festa, però, sono il 16 ed il 17 gennaio, nei quali si svolgono tutte le manifestazioni e gli spettacoli che richiamano migliaia di visitatori e pellegrini. Una festa, questa, che affonda le proprie radici nell'antica venerazione dei novolesi per il "Santo del fuoco", il cui culto fu ufficializzato, il 28 gennaio del 1664, quando il vescovo dell'epoca, Mons. Luigi Pappacoda, concesse l'assenso canonico alla supplica dell'Università e del clero e dichiarò S. Antonio Abate protettore di Novoli. In passato, si usava chiedere ai cittadini, in prevalenza durante le domeniche, un obolo per finanziare la festa; si girava, perciò, ‘cu lu cippu’ (salvadanaio), per le case del paese, chiedendo un'offerta in denaro da sfruttare per l'organizzazione della festa del Santo.
camper salento novoli focaracamper salento novoli fuoco

Per la sosta del camper, sono disponibili alcuni parcheggi vicino le vie del centro, ma tutti a pagamento, così come da ordinanza comunale introdotta lo scorso marzo 2012, con lo scopo di disciplinare la sosta e regolamentare il traffico. I tagliandi per la sosta ‘gratta e sosta’ sono disponibili in tutte le tabaccherie e le edicole del paese.

Cosa si mangia nel Salento…
Il Salento è una terra adagiata tra due mari, ricca di uliveti e gratificata da una clima e un sole che favoriscono la vegetazione tipica della macchia mediterranea, un mix di rosmarino, salvia, camper salento cantinamaggiorana, aglio, peperoncino, capperi, menta e timo. Infatti, chiunque si rechi nel Salento potrà gustare la cucina sopraffina, che lascerà in bocca il sapore di una volta.

La campagna è immersa tra le colture del grano, dei vigneti e degli uliveti che sono, assieme al pesce, elementi caratterizzanti l’economia e la tradizione di questa terra. I principali piatti della gastronomia salentina sono basati su ricette semplici e genuine, di gusto contadino e di sapore antico. Per fare alcuni esempi di quella che viene chiamata “cucina povera”, ma non lo è certo per gusto, si può ricordare la pasta e ceci, nel salento chiamata “ciciri e tria”. La “tria” sta per pasta fritta (deriva dall’arabo “itriya”) e si riferisce a delle tagliatelle larghe e corte fatte con farina ed acqua che vengono in parte fritte ed in parte cotte nel brodo di ceci.

SISTEMA STRADALE nel Salento
Geograficamente parlando possiamo definire la penisola Salentina come quell'estremo lembo di terra di Puglia che si protende per più di 150 Km tra Mar Jonio e Mar Adriatico con una superficie di più di camper salento cartina700 Km². La provincia di Lecce è la parte terminale della penisola i cui punti più importanti sono Punta Palascìa (
Otranto) e Punta Ristola (Santa Maria di Leuca).

Il Salento è facilmente raggiungibile in camper: venendo dall'Autostrada A-14, prendere l'uscita Bari Nord e proseguire per la superstrada Brindisi-Lecce fino ad arrivare al capoluogo, da lì poi ci sono le indicazioni per raggiungere le località di riferimento Gallipoli, Maglie, Otranto, Tricase, S.M. di Leuca. Per chi proviene da Taranto conviene in ogni caso raggiungere Brindisi e da lì scendere per Lecce, perché la strada è più scorrevole.

Per giungere, in particolare, ad Otranto, sia da Bari che da Taranto, proseguite in direzione Brindisi e giungete a Lecce. Una volta giunti nel capoluogo salentino, potete prendere o una delle due tangenziali (la strada ovest a dispetto delle indicazioni stradali risulta più breve), o in alternativa potete proseguire all’interno della città, magari approfittandone per "assaporare" il particolarissimo Barocco Leccese. Dalla tangenziale, prendete l'uscita con indicazione Otranto-Maglie-Leuca. Percorrete la Strada Statale; dopo circa 20 km si presenteranno alcune uscite con indicazione Maglie. Alla terza è presente anche l'indicazione per Otranto. Prendete questa uscita e precorrete la Strada Statale Maglie Otranto. Dopo circa 15 km giungerete finalmente ad Otranto. L'uscita si presenta abbellita da aiuole e palme.

Dove sostare in camper
• Otranto
: Il parcheggio di via Renis è davvero molto comodo e tranquillo e permette di visitare Otranto con facilità (coordinate GPS 40.140344N 18.491347E). Percorrendo circa 300 metri a piedi si giunge al castello e si può visitare tutto il centro. Anche la notte si può visitare la città in tutta sicurezza. Non distante dal parcheggio ci sono i negozi ed i banchi dei contadini, che vendono verdure a prezzi bassi. Il parcheggio per i camper costa 6 euro.
• Monopoli: campeggio residence Atlantide con ampie piazzole ombreggiate, circondate da siepi e attrezzate con attacchi elettrici e lavandino privato. Convenzionato con il Club di Camperlife
• Lecce: la capitale del Barocco del Sud Italia può essere comodamente visitata in camper, grazie al parcheggio comunale, economico, e che prevede la sosta notturna. L'area si trova su via dell'università, a circa 300 metri da Porta Napoli. Il costo è molto contenuto: alla macchinetta automatica si paga 1,50 euro per tutta la giornata (coordinate GPS N 40° 21' 12'' E 18° 09' 59'' ). Utile per la sosta e la visita alla città anche l'area attrezzata della Polisportiva al km 2 della via Adriatica.
Lido Tavernese: la sosta camper è ottima sia per la visita delle attrazioni dei dintorni, tra cui Torre Canne, Ostuni, Alberobello, Fasano, sia d’estate per un fantastico soggiorno alla splendida e rinomata spiaggia, che è Bandiera Blu. Le piazzole sono ottime, dotate di servizi e molto ordinate. L'area si raggiunge facilmente uscendo a Torre Canne Sud e seguendo la strada che costeggia il litorale. Con il camper, si arriva facilmente ad Ostuni e ad Alberobello. L'area costa 18 euro per 24 ore, inclusa la corrente (coordinate GPS N 40° 49.147' E 17° 29.880'
).

Potrete comunque trovare valide alternative sul nostro dbase online delle aree di sosta oppure, muniti delle App di Camperlife (per iPhone e per Smartphone), potrete farvi guidare dai vostri terminali verso la meta prescelta.

 

Autore: 
Redazione Camperlife
Punteggio: 
0

Average: 0 (0 votes)

Data Aggiornamento: 
13-12-2016
Data Pubblicazione: 
17-11-2012