Tu sei qui

Trieste in vetta alla classifica della Lonely Planet

Il capoluogo del Friuli Venezia Giulia ha conquistato la vetta della classifica dei 10 luoghi al mondo poco celebrati secondo la Lonely Planet.

Il colpo di fulmine ha colto Abigail Blasi, travel writer per l’autorevole casa editrice internazionale, che proprio il giorno di San Valentino ha pubblicato la lista dei 10 posti che rimangono costantemente al di fuori degli itinerari più battuti dal turismo mondiale, nonostante le meraviglie che avrebbero da offrire, trascurati per la posizione geografica, il semplice caso o la presenza di località vicine di maggior richiamo.
L’autrice si chiede infatti come sia possibile che questa insolita città italiana non rientri in una classifica dei luoghi da non perdere, grazie al suo melting pot culturale concentrato su una sottile lingua di terra affacciata sul mare; ricorda inoltre il ruolo di primaria importanza rivestito dal porto giuliano durante l’impero asburgico e sottolinea che la città conserva tuttora un’atmosfera affascinante e un senso elegiaco del passato. I lettori rimangono increduli nell’apprendere che un suo residente piuttosto noto, lo scrittore irlandese James Joyce, iniziò proprio qui a scrivere il suo capolavoro indiscusso -l’Ulisse- e non a Dublino, come invece comunemente si pensa. La scrittrice elogia infine lo splendore asburgico che permea tutta la città, dai caffè viennesi alla cucina mitteleuropea, passando per l’ampio lungomare con palazzi in stile neoclassico.

La notizia negli ultimi giorni è rimbalzata sui social network grazie ai molti affezionati al capoluogo giuliano che ne hanno postato orgogliosamente il link e non più tardi di domenica è stata anche ripresa a livello nazionale da quotidiani del calibro del Corriere della Sera e La Stampa, dove gli appellativi nei titoli oscillavano tra “bella e dimenticata” e “bella e sottovalutata”, quando in realtà l’originale “unsung” la definisce semplicemente “non decantata, poco celebrata”. Ancora per poco, però. Speriamo infatti che questo colpo di fulmine sia di buon auspicio e contagi, oltre che i lettori, soprattutto i viaggiatori più curiosi e che permetta a Trieste di rientrare a pieno titolo negli itinerari di scoperta di un’Italia insolita, sempre più richiesti dai turisti internazionali.


Il Friuli Venezia Giulia è quindi sempre meno misterioso e sconosciuto agli occhi degli stranieri. Dopo l’articolo che esalta Udine come “a delightful city” sull’edizione domenicale de The Telegraph del 15 gennaio scorso, ora Trieste rientra nella top 10 mondiale dei luoghi da scoprire, mentre Topolò è stato annoverato tra i borghi più belli d’Italia nell’edizione di marzo dal noto mensile tedesco GeoSaison, in questi giorni nelle edicole di tutta la Germania.


Qui di seguito la versione apparsa online (inglese): www.lonelyplanet.com/italy/friuli-venezia-giulia
ma c'è anche la versione italiana: www.lonelyplanetitalia.it


 


 


Punteggio: 
0
Average: 0 (0 votes)