Tu sei qui

Todi dagli abiti medievali

   
Tra spettacoli, cultura e gastronomia, camperisti riuniti nella città umbra per il 4° raduno “Vittoria Assicurazioni”
Conto alla rovescia a Todi per l'arrivo di Carnevalandia. Domenica 5 febbraio inizierà, infatti, il tradizionale appuntamento con la Città del Carnevale. La manifestazione, giunta ormai alla dodicesima edizione, vedrà Todi animarsi con spettacoli di cabaret e teatro, serate di liscio e di balletto classico, esibizioni di Dj e spettacoli di tendenza. Ricco e articolato è il calendario di appuntamenti dell'evento goliardico che gode del patrocinio della Regione Umbria e della collaborazione del Comune di Todi, oltre alla partecipazione attiva di tante associazioni cittadine. L'obiettivo della manifestazione è di creare un evento di grande richiamo in ambito regionale e nazionale.
Da giovedi 16 a domenica 19 febbraio si terrà il IV raduno camperisti "Vittoria Assicurazioni"
( link al programma), dove Todi si porrà al centro dell’Umbria con il raduno degli amanti del turismo all’aria aperta
(accettazione caravan presso le aree attrezzate del Comune di Todi). Già garantito il successo della manifestazione, anche perchè tra la città di Todi e gli amici camperisti (oltre 1500 famiglie giunte in camper e caravan negli anni precedenti) si è ormai creato uno stretto legame. A tal proposito l’organizzazione riserverà il parcheggio presso le aree di sosta per camper e caravan a ridosso delle location della manifestazione.
Tra tutti gli appuntamenti in calendario, c'è grande attesa per il carnevale medievale, che rappresenta l'evento clou della manifestazione e si terrà domenica 19, alle ore 15:00 
in Piazza del Popolo. L'appuntamento, giunto alla sesta edizione, è l'unica rappresentazione medievale in Umbria sul carnevale. In un grande teatro popolare ambientato nel 1300, giullari e cantastorie, arcieri e cavalieri, sbandieratori e falconieri daranno vita a uno spettacolo di "altri tempi" con oltre 400 figuranti in costume.
Due le novità previste quest'anno. Per la prima volta si terrà il carnevale dei Folli: la sfilata del Corteggio medioevale, organizzata sempre domenica 19, ma alle ore 16,00, prevede carri medioevali con baldacchini e la partecipazione del pubblico che potrà colpire le figure allegoriche con verdura predisposta dall’organizzazione.

All’imbrunire gli stendardi voleranno invece in aria, mentre le fiaccole prenderanno vita e il rullo dei tamburi scandirà i passi di dame e cavalieri. E’ il momento di maggior suggestione: la Sfilata con deposizione dei Ceri a San Fortunato

In quei giorni, quindi, Todi si veste medievale. Tutto infatti ruota attorno a questo periodo storico: dai banchi di rievocazione medievale e artigianali, al “palio della Mittarella (con oltre 250 arcieri) fino alle degustazioni di pietanze medioevali. Da non scordare, poi, la seconda novità di quest'anno: il “Palio dell’Aquila”, l'inedita gara equestre tra i rioni dell’antica Tuder che si svolgerà sabato 18 febbraio, nel Prato del Tempio della Consolazione, alle ore 15,00
Partecipare a Carnevalandia, però, sarà anche una ghiotta occasione non solo per divertirsi, ma anche per ritemprare il corpo e lo spirito nella città più vivibile del pianeta. Richard Levine, professore dell’Università del Kentucky, anni fa, definì Todì come la città ideale per vivere.
Il visitatore non potrà far altro che rimanere incantato dalle tre concentriche cerchia di mura che si estendono per oltre quattro chilometri, con numerosi bastioni, contrafforti e porte, che ancora oggi si possono ammirare quasi intatti, a testimonianza dell’estensione raggiunta dalla città rispettivamente in epoca umbro-romana, romana e medioevale. Ma il periodo di massimo splendore viene raggiunto proprio nel medioevo. E la splendida Piazza del Popolo, tra le più belle d’Italia, è ancora oggi il fulcro della vita cittadina. Sulla Piazza si affacciano i trecenteschi Palazzi del Popolo, del Capitano e dei Priori, eretti tra il 1214 ed il 1347, simboli del potere civile raggiunto dalla città, mentre sul versante opposto si ammira il Duomo (XI sec.), con la sua imponente scalinata.
Todi è la patria di Jacopone, che qui nacque nel 1230. Le sue laudi, il Pianto della Madonna e l’altissima poesia della Stabat Mater sono conosciute in tutto il mondo. Le sue spoglie sono conservate nel Tempio di San Fortunato che domina e caratterizza il profilo dell’insediamento medievale e dal cui Campanile si può ammirare tutta la piana circostante, fin quasi a Perugia. Per questo, per l’edizione di Carnevalandia del 2012, verrà riproposto lo speciale itinerario “Jacopone da Todi” che permetterà ai partecipanti di ripercorre i luoghi vissuti dal santo e poeta con la visione degli affreschi inediti di Palazzo Pongelli.

Todi, poi, è anche gastronomia. I piatti tuderti sono semplici e ricchi di sapori. La zuppa di farro, la cacciagione, il pane senza sale, la torta cotta sotto la cenere (la pizza sotto ‘l foco), le palombe alla ghiotta, sono solamente alcune delle prelibatezze che si possono gustare nei ristoranti e nelle trattorie della città. Il tutto accompagnato ovviamente da un buon bicchiere di Trebbiano di Todi o Vin Grechetto famoso già nell’antichità e citato da Plinio Il Vecchio nel XIV libro della sua Storia Naturale (primo secolo dopo Cristo).

Per maggiori informazioni, visitate il sito internet www.carnevalandia.com.

 
La via più semplice per arrivare a Todi è quella di percorrere l'E45 da Perugia direzione Terni o viceversa. Ci si arriva anche lasciando l'A1 ad Orvieto, percorrendo circa 40 km ed attraversando le colline costeggiando il lago di Corbara. Godrete della vista incantevole delle campagne umbre e non vi accorgete che la strada che state percorrendo non è il massimo dal punto di vista della viabilità.
 
Per le soluzioni di sosta a Todi o nel circondario consultate il dbase di camperlife.it

.


Punteggio: 
0
Average: 0 (0 votes)
Coordinate: 
Latitudine: 12.408943000000 - Longitudine: 42.781291000000