camper, camperlife, aree sosta, logo
Facebook Icon Twitter Icon Youtube Icon RSS Icon

Home Notizie e Aggiornamenti  Visite e Viaggi Itineranti
 
Visite e Viaggi Itineranti

Le città gemellate in camper: Acqui Terme e Argostoli (Grecia)

In camper nelle città gemellate Europee

Viaggiamo in camper nelle città gemellate.

Acqui terme è gemellata con Argostoli, capitale dell’isola di Cefalonia.
Il patto è stato siglato l’8 settembre 1989, in memoria dei sopravvissuti al massacro della Divisione Acqui, che si unirono alla Resistenza greca.
Diecimila soldati italiani, tutti giovani provenienti dalla zona di Acqui Terme, che facevano parte della “Divisione Acqui”, furono trucidati dai tedeschi, tra il 15 ed il 24 Settembre 1943: dopo essere stati barbaramente giustiziati vennero gettati nelle acque di Cefalonia (
maggiori info).

Acqui Terme

Acqui Terme sorge nella zona sud-orientale dell'alto Monferrato sulla sponda sinistra del fiume Bormida, Il nucleo più antico è il Borgo Pisterna che, assieme al Borgo Nuovo e al Borgo San Pietro, rappresentano l'attuale centro della città che si è poi via via andato sviluppando sia verso la pianura che verso la collina.

Importante centro termale già all'epoca romana, dal 1700 Acqui assunse l'attuale caratteristica di stazione termale rinomata per i suoi fanghi. Varie sorgenti di acqua sulfurea affiorano alla superficie in diversi punti del
camper acquitermeterritorio comunale, al centro dell'abitato, inserita in un'elegante edicola marmorea di gusto neoclassico sgorga la fonte di acqua calda detta "Bollente" con una temperatura di 75º e una portata 560 litri al minut, un secondo gruppo
si sorgenti, di temperatura meno elevata ma di ottime qualità terapeutiche, affiora invece alla periferia della città, sulla destra del fiume Bormida.
Le prime tracce di frequentazione umana sul territorio risalgono al periodo neolitico. Il nome attuale deriva dal latino Aquae Statiellae che i Romani attribuirono alla città fondata nel territorio già dai Liguri Statielli, attorno alle sorgenti termali, nel II secolo a.C.
Alla fine del VI secolo, Acqui come altre città dell’attuale Piemonte, viene conquistata dai Longobardi entrando probabilmente a far parte del ducato di Asti. Acqui Terme conserva significative testimonianze del suo passato: dai ruderi dell'acquedotto romano all'antica basilica di San Pietro, dalla Chiesa di San Francesco al Duomo, di impronta romanica, senza contare gli eleganti palazzi nobiliari sparsi nel tessuto urbano. Preziosi reperti di età romana e medievale sono conservati presso il civico Museo Archeologico, allestito all'interno del castello dei Paleologi.
La presenza di impianti termali, unita ad infrastrutture ricettive di prim'ordine, rende Acqui una meta ideale per turisti in cerca di riposo e tranquillità. Numerosi itinerari turistici sia all'interno sia nei verdeggianti dintorni rendono piacevole il soggiorno agli appassionati di storia antica.
camper aquiterme scorcio camper acquiterme scorcio
camper acquiterme camper acquiterme acquedotto romano

Da vedere ad Acqui Terme:

  • Cattedrale di Santa Maria Assunta che conserva absidi del periodo romanico e l’importante cripta che occupa l’area del transetto e del coro;

  • Castello dei Paleologi, la sua prima comparsa risale al 1056 come “castelletto” del vescovo di Acqui Terme , passa nel 1340 al marchese di Monferrato. Dopo vari rimaneggiamenti, diventa fabbricato carcerario a cura dell’architetto Ferroggio, realizzato nel 1789. Oggi il castello ospita le collezioni del Civico Museo Archeologico.

  • Chiesa dell’Adolorata, in stile romanico, a tre navate con campanile ottagonale appoggiato sull’abside sud. Eretta come chiesa abbaziale dello scomparso monastero di San Pietro, fondazione vescovile dell’XI secolo, sull’area di una precedente chiesa cimiteriale paleocristiana, fu ridotta in commenda già sul finire del Quattrocento.

  • Palazzo del Comune, eretto alla fine del XVII secolo dalla famiglia Lupi di Mirano, passato poi all’israelita Abraam Levi che nel 1910 lo donò alla civica amministrazione che vi trasferì la propria sede. Alcuni ambienti hanno mantenuto l’elegante decorazione settecentesca come la sala della Giunta dalle belle sopraporte con vedute romane.

  • Palazzo Robellini, costruito da Giovanni Antonio Robellini sul finire del 500, come è testimoniato dall’importante colonnato, al suo interno oggi sono ospitati gli uffici dell’assessorato alla cultura e la sala mostre comunale, nelle cantine ha sede l’Enoteca Regionale.

  • Nuove Terme, nella piazza principale della città, lo stabilimentotermale realizzato dopo il 1870, fu oggetto di radicali ristrutturazioni prima della seconda guerra mondiale e nuovamente tra il 2001 e il 2002, restyling grazie al quale l’Hotel è ritornato all’antico splendore.

  • Antiche Terme, il complesso termale risale alla riedificazione del tardo seicento dovuta a Giovanni Battista Scapitta, una frana nel 1687 aveva distrutto il fabbricato già documentato nel XV secolo. Dopo la restaurazione l’edificio assunse sostanzialmente l’aspetto odierno.

  • Villa Ottolenghi, complesso monumentale iniziato dai coniugi Ottolenghi - Von Wedekind nel primo dopoguerra e parzialmente terminato nel 1953, la decorazione interna è del pittore Ferruccio Ferrazzi che ha realizzato anche i cartoni per i mosaici del mausoleo.

  • Il sito Archeologico della Piscina Romana, dove si trovano i resti facenti parte di un vasto complesso termale risalente all’età imperiale, ritrovati presso l’attuale Corso Bagni nel 1913, durante la costruzione di nuovi portici accanto all’Hotel Nuove Terme.

Per la sosta in camper

Ad Acqui potrete utilizzare l'area di via Einaudi, i dettagli sul nostro dbase delle aree di sosta

Argostoli

La storia di Cefalonia comincia dall’epoca di Omero e arriva fino ad oggi. Conquiste continue, battaglie storiche segnano il cammino dell’ isola nel tempo, rendendo la sua storia affascinante e interessante.
camper argostoli vista mareIl comune di Argostoli non e' solo il piu' grande comune di Cefalonia ma anche di tutte le isole ionie. Costruito in modo anfiteatrale, di fronte al golfo di Cutavos, dispone un porto ben organizzato. Argostoli è la piu' grande citta' dell'isola, con una ricca attivita’ commerciale.
Saldamente radicato è lo stile architettonico Eptaneso, dove prevalgono i tetti rossi e i larghi balconi. Argostoli dispone di un sistema urbanistico con strade larghe e molte strade pedonali, gioiello della città è il lungomare, con palme, e un splendido mosaico lungo tutto il marciapiede fatto con ciottoli.
Su una collina vicino al villaggio Peratata, a 5 chilometri da Argostoli, domina la fortezza di San Giorgio che la gente del posto chiama " il Castello ". Troviamo riferimenti sul castello già dal XII° secolo a.C., ma l'aspetto che ha oggi è quello assunto dal XVI° secolo. Durante il periodo d'occupazione Veneziana, Argostoli era la capitale dell'isola e vi dimoravano oltre 15.000 persone, tra gli abitanti del castello e i dintorni. Entro le mura della fortezza esistevano molti edifici militari, amministrativi, commerciali, oltre al palazzo del governatore ed altri di utilità comune.
Oggi si salvano feritoie, le rovine di un ponte dall'età dell'occupazione Francese ed una chiesa cattolica.

camper-argostoli camper cefalonia
camper agropoli chiesa madre vergine

camper agropoli chiesa santo spidona

Da vedere:

  • La chiesa della Madre Vergine a Xabriata è la costruzione più antica, vi si trova la tomba di un grande filosofo: Bikediu Damodù.
  • La chiesa di Santo Spiridona ad Argostoli, decorata da un eccezionale tempio dorato di legno scolpito, trasferito qui dal vecchio Duomo. Da qui comincia la processione annuale che si celebra per i terremoti del 1953.
  • La Chiesa della Madonna a Markopulo. costruita nel posto dove era il vecchio monastero femminile che fu distrutto dai Turchi. La tradizione dice che le monache di questo complesso pregavano la Vergine Maria di trasformarle in serpenti pur di non essere prese dai Turchi. Le loro preghiere vennero ascoltate e i Turchi andarono via. La chiesa è nota per via di un strano fenomeno che avviene ogni 15 di Agosto, giorno della festa. Intorno e dentro la chiesa si presentano innocui piccoli serpenti con una croce sulla loro testa. I visitatori li possono toccare senza nessuna paura, dopo la festa spariscono di nuovo. Sono considerati dai fedeli come simboli di porta fortuna.
  • Il monastero Thematon, fondato nel fine del XVI° secolo, situato in un posto con un bellissimo panorama ed un bosco di querce e lecci. Il nome del monastero deriva dal governatore locale che si chiamava "Thematos".
  • Il monastero della Madonna di Sission si trova nella baia di Lurda. Si dice sia stato costruito nel XIII° secolo da San Francesco d'Asissi, versione che si rinforza dal nome. Una volta il monastero era molto ricco, qui vissero importanti monaci, tra i quali il pittore Gerassimos Kokkinos o Strubulos.


Contatta la redazione

Autore: G.F.
Data: 23/06/2012
 
 
Dai la tua valutazione alla notizia:
Non ci sono commenti.
 
 
 
Footer Image
HOME | CHI SIAMO | CONTATTA LA REDAZIONE | PARTNERS | REGISTRATI | FAQ | CAMPER
 
RSS: Aree di Sosta | Notizie ed Aggiornamenti | Download | Forum
SERVIZI: Store on line | Sottoscrizione Tessera Camperlife | Lista Convenzioni | Mercatino| Noleggio Camper

Privacy| Mappa del sito

©2008-2012 Camperlife.it | P.I.06551220962
E' vietata la riproduzione, anche solo parziale, di contenuti e grafica