Migliorare la coibentazione della cabina e delle parti esposte della cellula

Messaggio di errore

Image resize threshold of 5 per minute reached. Some images have not been resized. Resave the content to resize remaining images.

ciao a tutti, vorrei mostrare a tutti una parte di ciò che ho ritenuto opportuno fare per migliorare la coibentazione del camper, utile penso in particolare se non si ha un motorhome, io ne ho trovato grande giovamento, molta minor trasmissione di freddo, isolamento dal caldo ed una migliorata insonorizzazione che non guasta..
Di alcuni interventi non ho foto, che del resto ritengo abbastanza inutili, basterà la descrizione.
Si inizia con la coibentazione dei gradini in cabina guida, smontiamo con leggera trazione e se necessita ruotandolo, dopo aver rimosso le viti che lo trattengono (nel mio caso serve un giravite tipo torx) appare come nella foto qui sotto a sinistra.
Ho dato all'interno una mano di "antirombo", che essendo in materiale sintetico, oltre ad isolare dai rumori, aiuterà la coibentazione (foto qui sotto a destra)
Ho poi rivestito come si vede la parte interna con un materassino da camping che veniva usato in tenda (della serie tutto può servire)
Come adesivo ho usato del sicaflex, che non scioglie le parti sintetiche. Poi ho provveduto a rimontare il tutto.
Successivamente ho acquistato alcuni prodotti
1- lastre isolanti marca "depron" da  3 e 5 mm - (scelto per le ottime caratteristiche, l'avevo adoperato in casa con risultati eccellenti), chi vuole scarichi le brochure da internet
2- antirombo per scocca colore bianco, (si trova dai fornitori di materiali per carrozzeria)
3-un prodotto a base acquosa liquido che si usa in edilizia e si usa anche sopra i vecchi lastricati in catrame, rimane elastico e si ottiene lo spessore che si vuole con mani successive, lo uso all'esterno sopra il depron, che installo anche a pezzi, per fare meno fatica, e con questo prodotto ottengo triplo risultato, livello e maschero le imperfezioni, len giunte e le piccole carenze, lo proteggo da agenti esterni, visto che diventa una vera guaina  imputrescibile e resistente al gelo ed agli u.v.- e come ultimo scopo, ma non meno importante, rende resistente il pannello isolante all'esposizione anche di fiamma per brevi istanti.
4- un tappeto isolante in gomma telata (preso in negozio da nautica) da tre e cinque mm.
Con il Depron  ho isolato la sottovasca del garage, il gradino di ingresso cellula  e con vari spezzoni (spessore da 5) tutte le parti che potevo raggiungere da sotto il telaio, specie vicino alla congiunzione cabina-cellula, nota parte dolente per trasmissione di temperature esterne, unico ponte termico che ho trovato nel mio caso.
L'antirombo l'ho usato per rivestire: il fondo cabina sotto il tappeto originale in gomma, poi installato depron da tre mm, (ora è anche morbido al calpestio...eh eh)
Inoltre una mano nel gradino di ingresso cellula all'esterno, poi rinforzato con depron e prodotto liquido.
Ho realizzato con le lastre in gomma delle protezioni alle ruote, sia anteriori che posteriori, fissate con righette di alluminio,  viti, ed abbondante sicaflex. Il tutto perchè con neve acquosa mi dava fastidio trovare attaccati dei blocchi che gelavano diventando ghiaccio. Infatti in un caso, per distaccarli, mi hanno pure rotto la maniglia di scarico visto che pesano molto.
Qui sotto la sequenza di foto, che evidenzia il lavoro alle ruote. Innalzamento in sicurezza per smontaggio ruote, si lavora meglio........ nella foto a destra il passaruota anteriore, poi rifinito con antirombo nero....
Infine il posteriore, ove con antirombo ho ulteriormente isolato la vetroresina.
Adesso anche se la coibentazione era già eccellente riguardo la cellula, viaggio così senza problemi.....
Buon lavoro a chi va in montagna e ..... buona neve a tutti
Tiziano

 

 

Categoria: 
Autore: 
Tiziano Tamagnini